Parlami di te, la storia vera di Christian Streiff su Sky Cinema

Inserire immagine

Un uomo d'affari molto ligio al lavoro e alla carriera viene colpito da un malore e proprio durante la sua permanenza in ospedale capisce quali siano le cose davvero importanti. Domenica 19 gennaio alle 21.15 Sky Cinema Due trsmette Parlami di te , una commedia agro-dolce, ispirata alla storia vera di Christian Streiff, ex CEO di Airbus e di PSA Peugeot Citroën.

Il talento di Fabrice Luchini (La corte) dà vita a una commedia agro-dolce, ispirata alla storia vera di Christian Streiff, ex CEO di Airbus e di PSA Peugeot Citroën. Appuntamento su Sky Cinema Due domenica 19 gennaio alle 21.15.

Alain Wapler va di corsa. Sprezzante amministratore delegato di una nota azienda automobilistica, non ha tempo per i perdenti e per la famiglia. Alla viglia della presentazione di un nuovo modello di vettura ibrida, ignora i segnali di allerta del suo corpo e crolla. Colpito da un ictus che gli causa un deficit cognitivo, Alain confonde le parole e le sillabe, perde i ricordi e il filo della vita. A riordinargli il linguaggio e l'esistenza lo aiuta Jeanne, una giovane ortofonista alla ricerca della madre biologica. Tenace e paziente, Jeanne corregge la disarticolazione e insegna ad Alain il valore del tempo. Il tempo per vivere.

In un crescendo di delicatezza e ironia, Alain è spinto dai suoi collaboratori a ritornare nei panni dell'oratore e uomo d'affari che tutti conoscevano, ma è un uomo cambiato, rinato nello stesso corpo e nella mente, un tempo brillante, che ora gli gioca brutti scherzi; arriva però a capire che la malattia che gli ha stravolto l'esistenza, è in realtà la seconda possibilità che la vita gli ha donato per imparare a vivere davvero. Il film Parlami di te, diretto da Hervé Mimran, nasce da una storia vera, che l'autore ha letto nel 2013 in un articolo di Le Monde. Quella di un grande e potente manager, Christian Streiff, ex presidente di Airbus e di PSA Peugeot Citroen, rimasto vittima di un ictus nel 2008, all'età di 54 anni, e che per parecchi mesi aveva nascosto la sua malattia, prima di essere licenziato per le sue diminuite capacità fisiche. Dopo una lunga riabilitazione, Streiff è riuscito a salire nuovamente ai vertici: nel 2013 era vice presidente del consiglio di amministrazione di Safran, ed è rimasto impegnato in vari incarichi dirigenziali.

Assieme al suo produttore, Mimran è riuscito a parlargli per convincerlo a fargli fare un film ispirato alla sua vicenda, che diventa una commedia sul linguaggio e un buddy movie sul rapporto di amicizia che si crea tra il manager e la logopedista, la persona incaricata di insegnare di nuovo, a un uomo adulto e fino alla malattia perfettamente padrone delle sue capacità, i rudimenti della lingua.