I migliori film con Fabio Volo

Scrittore, autore e conduttore radiofonico, Fabio Volo è anche un attore che - negli anni - ha partecipato a produzioni di successo

Al secolo Fabio Bonetti, Fabio Volo è un attore ma è - prima di tutto - uno scrittore e un conduttore radiofonico. 

Al cinema dal 14 novembre come voce narrante di “Ailo - Un’avventura tra i ghiacci”, è ora in libreria col nuovo romanzo “Una gran voglia di vivere”. Ma quali sono i più riusciti film a cui come attore ha preso parte?

“Casomai” (2002)

Il suo debutto cinematografico, Fabio Volo lo fa con “Casomai” di Alessandro D’Alatri. Fabio è Tommaso, in procinto di sposarsi con Stefania (Stefania Rocca): i due sognano per il loro matrimonio e per il loro futuro qualcosa di davvero speciale, e all’inizio sembrano riuscirci.

Lei truccatrice lui direttore artistico, danno alla luce un bambino e vivono un amore puro e passionale. Tuttavia, tra frustrazioni lavorative e i soldi che non bastano mai, presto si trasformeranno in una coppia come tante, che finirà per divorziare. Ma nulla è come sembra: il triste epilogo è solo un’ipotesi del parroco, che prenderà una decisione insolita e regalerà loro un matrimonio davvero speciale.

“La febbre” (2005)

Tre anni dopo “Casomai”, Fabio Volo torna a recitare per Alessandro D’Alatri. In “La febbre” è Mario, un trentenne di provincia che progetta di aprire coi suoi amici una modernissima discoteca. A scombinare i suoi piani arriva però la lettera che annuncia la sua assunzione in Comune.

Se in un primo momento Mario di quel lavoro è entusiasta, presto le cose precipitano: viene trasferito a dirigere i lavori al cimitero, la donna che ama parte per gli USA, e solo il suo progetto di aprire il locale lo tiene vivo.

“Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi” (2007)

In “Manuale d’amore 2 - Capitoli successivi” di Giovanni Veronesi, Fabio Volo è Franco, protagonista di uno dei quattro episodi del film insieme a Barbora Bobuľová / Manuela.

Il loro capitolo è “La maternità”: non riuscendo a concepire figli in modo naturale, Franco e Manuela volano a Barcellona per ricorrere alla fecondazione assistita. Qui, nonostante le difficoltà, riusciranno a coronare il loro sogno e a diventare genitori di una bambina.

“Matrimoni e altri disastri” (2010)

Diretto da Nina Di Majo, “Matrimoni e altri disastri” segue le vicende di Bea (Francesca Inaudi) e Alessandro (Fabio Volo), a un mese dalle nozze. La ragazza vorrebbe rimandare il matrimonio in quanto costretta a trascorrere un mese negli USA per lavoro, ma la madre convince la figlia maggiore Nanà (Margherita Buy) a seguire i preparativi insieme al futuro sposo. 

Quando Bea ritornerà, però, scoprirà che tutto è cambiato.

“Studio illegale” (2013)

Tratto dall'omonimo romanzo di Federico Baccomo, “Studio illegale” di Umberto Carteni vede Fabio Volo nei panni di Andrea Campi, un avvocato che trascura la sua vita sociale, fidanzata e amici in primis, pur di fare carriera.

Un impegnativo incarico sconvolgerà però la sua vita, e lo costringerà a fare i conti con l’amore per l’avvocatessa Emilie Chomand (Zoé Felix).