CINÈ 2019: Un’edizione choc piena di sorprese

Inserire immagine

Si sono appena concluse le Giornate di Cinema Ciné, la manifestazione in programma a Riccione promossa dall'ANICA in collaborazione con ANEC e ANEM  Tanti gli ospiti tra attori e registi intervenuti in questa IX Edizione: dal premio Oscar Roberto Benigni a Matteo Garrone, da Lo Stato Sociale ad Enrico Vanzina, Serena Rossi, Ilenia Pastorelli, Alessandro Siani, Donato Carrisi e Fausto Brizzi. Leggi l'articolo dell'inviato di Sky Cinema Federico Chiarini

CINÈ 2019: Un’edizione choc piena di sorprese. Di solito non vanno al cinema per “vedere un film”. Loro sono quelli che i cinema li gestiscono, che programmano i film, che staccano i biglietti al botteghino. Sono gli esercenti cinematografici italiani e in questi giorni si sono riuniti a Riccione per l’annuale appuntamento con Cinè. Tutti a raccolta nella stessa sala per studiare le novità che il mercato cinematografico proporrà nei prossimi mesi, tre giornate molto intense in cui i distributori presentano i loro listini. Sullo schermo scorrono molti trailer, preziosissime clip inedite, date di uscita, anteprime, numeri del box office e, soprattutto, tanti ospiti, quest’anno particolarmente memorabili.

Si muore solo da vivi

I primi a salire sul paco sono stati Alberto Rizzi e Alessandro Roja per presentare Si muore solo da vivi, che hanno appena finito di girare in Emilia dove è interamente ambientato. Il protagonista si chiama Orlando. Non è né furioso né innamorato ma piuttosto “addormentato”. A svegliarlo dal torpore in cui si trova ci penserà una nipote di cui dovrà prendersi cura e invece di passare le giornate ad osservare il fiume Po inizierà a nuotare controcorrente per riprendersi la sua vita.

Lodo Guenzi e Lo Stato Sociale

Nel frattempo dal treno che arrivava da Bologna sono scesi quattro quinti de Lo Stato Sociale, in elegante livrea balneare. Erano qui per presentare La piazza della mia città – Bologna e Lo Stato Sociale: un documentario di Paolo Santamaria che partendo da un concerto della band davanti al Nettuno di Piazza Maggiore parla di musica e Bologna. Lodo Guenzi e compagni hanno chiuso la prima giornata di Cinè alternandosi sul palco con i Bluebeaters e Cintoli, facendo danzare gli esercenti fino a notte fonda.

Roberto Benigni, Matteo Garrone e il loro Pinocchio

Il giorno successivo i rulli con i trailer hanno ricominciato a scorrere e poco prima che Matteo Garrone presentasse le prime immagini, fantastiche e poetiche, del suo Pinocchio, sul palco ha fatto irruzione a sorpresa Geppetto ovvero Roberto Benigni. La platea si è subito scaldata, c’è chi si è alzato in piedi emozionato: Benigni ha fatto ridere di gusto il pubblico di Riccione soprattutto quando ha svelato che Pinocchio sarà il primo film di Garrone, il regista dei disperati, feroci e inquietanti Gomorra, L’Imbalsamatore e Dogman, con un happy ending.

Le “Brave ragazze” di Michela Andreozzi

È toccato poi a Serena Rossi, Silvia D’Amico e la regista Michela Andreozzi presentare Brave ragazze. Una commedia “pistole e bigodini” dove lo stereotipo per cui certi lavori non siano destinati all’universo femminile viene sfruttato al contrario da quattro ragazze che decidono di fare una serie di rapine camuffandosi con abiti maschili. Una storia che potrebbe sembrare surreale, se non fosse tratta da un fatto di cronaca avvenuto anni fa in Francia.

Alessandro Siani e la sua quarta regia

Alessandro Siani, il cui poster gigante appeso tra Piazza Ceccarini e il Palariccione si è animato grazie al video mapping, ha definito Il giorno più bello del mondo, la sua quarta regia, una commedia ad effetti speciali. Una fiaba che vedrà il comico napoletano protagonista a fianco di Stefania Spampinato, attrice siciliana che in Grey’s Anatomy interpreta la ginecologa Carina DeLuca.

Il nuovo film di Fausto Brizzi

Fausto Brizzi ha mostrato le prime immagini di Se mi vuoi bene, tratto dal suo romanzo del 2016. Quando Claudio Bisio lo ha letto si è fatto promettere da Brizzi che lo avrebbe fatto interpretare a lui. Brizzi ha pazientemente aspettato che l’impegnatissimo Bisio fosse disponibile ed ora il film è pronto per le sale cinematografiche.

Tuttapposto di Roberto Lipari

Il comico siciliano Roberto Lipari ha travolto con la sua simpatia la platea presentando Tuttapposto in cui il suo personaggio, stanco di subire soprusi, inventa una app per dare i voti ai baroni dell’università. La storia è di pura fantasia, anche se in questi giorni uno scandalo simile ha occupato le pagine della cronaca dei quotidiani.

Donato Carrisi tra Toni Servillo e Dustin Hoffman

Donato Carrisi ha invece svelato i primi indizi de L’uomo del labirinto, tratto dal suo omonimo romanzo e interpretato da Toni Servillo e Dustin Hoffman.

Genitori quasi perfetti

A concludere la carrellata di ospiti, Paolo Calabresi e Laura Chiossone: Genitori quasi perfetti è una commedia che prende in giro il mondo delle feste di compleanno dei compagni di classe e le chat di WhatsApp a cui sono sottoposti i genitori moderni. E mentre si parlava del successo dell’iniziativa congiunta Movie-Ment, per dare un’offerta di cinema di qualità anche durante i mesi estivi, Calabresi ha anticipato che il film in cui recita con Anna Foglietta sarebbe uscito a fine agosto per permettere ai genitori cinefili di ridere sulle tragedie che ricominceranno con l’inizio dell’anno scolastico. Invito prontamente segnalato sulla chat della classe dei figli da molti dei presenti. Insomma: si conclude oggi un’edizione di Cinè particolarmente spettacolare e che fa ben sperare sul futuro del cinema.