Anche Milla Jovovich contro le leggi sull'aborto: "A me è successo due anni fa"

Inserire immagine
@Kikapress

"È stata una delle esperienze più orribili che io abbia mai vissuto" ha raccontato l'attrice su Instagram

Leggi aborto, la reazione di Lady Gaga Leggi aborto, Alyssa Milano propone lo sciopero del sesso

“Non mi piace fare politica e cerco di parlarne solo se davvero è necessario, ma questa è una di quelle volte”. Milla Jovovich non si tira indietro e, dal proprio account Instagram, si schiera apertamente contro quei disegni di legge che vietano l'aborto dopo il rilevamento del battito cardiaco.

“I nostri diritti come donne di ottenere aborti sicuri da medici esperti sono di nuovo in gioco. Martedì scorso, il governatore della Georgia Brian Kemp ha firmato un disegno di legge draconiano che bandisce tutti gli aborti dopo sei settimane, prima che la maggior parte delle donne si rendano conto di essere incinte, anche nei casi di stupro e incesto”.

Milla Jovovich: il racconto del suo aborto

“L’aborto è già abbastanza difficile da affrontare a livello emotivo senza doverlo fare in condizioni potenzialmente insicure e non igieniche” scrive l’attrice ucraina naturalizzata statunitense, prima di raccontare la propria devastante esperienza personale.

"Io stessa ho affrontato un aborto d'emergenza due anni fa. Ero incinta di quattro mesi e mezzo e mi trovavo nell’Europa dell'Est. Sono entrata in parto pre-termine e mi hanno avvertito che sarei dovuta stare sveglia per l'intera procedura. È stata una delle esperienze più orribili che io abbia mai vissuto. Ho ancora degli incubi a riguardo. Ero sola e indifesa”.

Milla Jovovich: la successiva depressione

"Sono entrata in una delle peggiori depressioni della mia vita e ho dovuto lavorare molto duramente per trovare la via d’uscita” continua Jovovich, già mamma di Ever Gabo e Dashiel Edan, rispettivamente di undici e quattro anni.

“Mi sono presa una pausa dalla mia carriera. Mi sono isolata per mesi e ho dovuto farmi forte per i miei due fantastici bambini. Ho iniziato a fare giardinaggio, a mangiare in modo sano e ad andare in palestra ogni giorno, perché non volevo prendere antidepressivi prima di aver provato ogni altra alternativa”.

"Grazie a Dio sono riuscita a trovare la via d'uscita da quell'inferno personale senza ricorrere alle medicine, ma il ricordo di ciò che ho passato e di ciò che ho perso rimarrà con me fino al giorno in cui morirò”.

Milla Jovovich: la successiva depressione

Poi, l’attrice, torna a parlare in generale e a rivolgersi alle altre donne: “L’aborto è di per sé un incubo. Nessuna donna vuole attraversarlo. Ma dobbiamo lottare per assicurarci che i nostri diritti siano preservati per ottenerne uno sicuro, se necessario. Non ho mai voluto parlare di questa esperienza. Ma non posso rimanere in silenzio quando c'è tutto questo in gioco”.