Scoperti due relitti galattici solitari che si muovono per l’universo

Scienze
C.Spiniello/C. Tortora/G. D’Ago & Eso

Secondo i ricercatori, tra cui quelli italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, questi relitti cosmici consentiranno di fare luce sull’evoluzione delle galassie di grande massa. Si tratta di un fenomeno raro e difficile da catturare

Scoperti due rarissimi relitti galattici. Sono molto compatti, trascorrono la loro esistenza soli e indisturbati nell’universo. Il risultato, in corso di pubblicazione sulla rivista Astronomy & Astrophysics, è stato ottenuto da un gruppo di ricerca di cui fanno parte studiosi italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). Secondo gli esperti questi relitti cosmici consentiranno di fare luce sull’evoluzione delle galassie di grande massa nel corso della storia dell’universo.

I relitti galattici

approfondimento

Esperimento Borexino, si è scoperto come brillano le stelle giganti

Secondo le teorie più accreditate, i relitti galattici si formano in due fasi distinte. Dopo pochi miliardi di anni dalla nascita del cosmo, spiegano gli esperti, nascono delle galassie di piccole dimensioni, la cui luce è in gran parte prodotta da stelle giovani di colore blu. Successivamente, interrompono la propria formazione stellare, trasformandosi in galassie con un’enorme massa e un elevato numero di stelle, ma molto compatte. Il loro colore predominante diventa il rosso. Può capitare che queste galassie restino isolate, senza fondersi con altre, ma trascorrendo la loro esistenza indisturbate, come dei relitti.

 

Corpi celesti antichi

Le due galassie sono indicate dalle sigle, J0847+0112 e KiDS J0224+3143 e sono lontane, secondo le prime stime, dai due ai tre miliardi di anni luce. Finora gli astrofisici erano a conoscenza solo di tre relitti galattici, a testimonianza di quanto siano rari e difficili da catturare questi oggetti cosmici. Il risultato è stato ottenuto grazie al progetto Inspire (Investigate stellar population in relics), coordinato da Chiara Spiniello, dell’Università di Oxford e affiliata all’Inaf di Napoli. Il progetto ha utilizzato i dati della campagna osservativa Kids (Kilo Degree Survey), attraverso i telescopi dell’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso). “Si tratta in genere di galassie non solo massive e piccole, ma anche molto vecchie e con una formazione stellare avvenuta molto velocemente. Anche se si è interrotta piuttosto presto” spiega Crescenzo Tortora, dell’Inaf di Napoli.

Kids J0847+0112 e Kids J0224+3143, le due galassie protagoniste dello studio
Kids J0847+0112 e Kids J0224+3143, le due galassie protagoniste dello studio - C.Spiniello/C. Tortora/G. D’Ago & Eso

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.