Gdf scopre frode fiscale milionaria

Umbria
50bf9052cad6878f0b89ee8a9b37654e

Nel settore del commercio dei cosiddetti bancali

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 13 AGO - Ha portato alla luce un presunto sistema fraudolento messo in atto da tre aziende, operanti principalmente nel commercio dei pallet (i cosiddetti 'bancali'), i cui responsabili sono definiti dei "meri prestanome" sostanzialmente nullatenenti, uno dei quali residente alla Caritas, un indagine della guardia di finanza della tenenza di Assisi. Individuati due milioni e mezzo di ricavi non dichiarati e più di un milione e trecentomila euro di imposte evase.
    Gli accertamenti, coordinati dalla procura di Perugia, sono durati tre anni. Denunciate complessivamente 11 persone per reati fiscali, tra cui l'emissione di fatture false e l'occultamento di documenti contabili.
    Secondo le fiamme gialle il reale amministratore delle imprese tesseva le fila della frode, che consisteva nell'acquistare, completamente "in nero", diversi pallet usati (se non addirittura rubati), per poi richiedere, a delle società esistenti solo sulla carta, delle fatture false attestanti l'acquisto, così da potere irregolarmente dedurre i costi sostenuti. In base all'indagine, la frode ha permesso ai responsabili di vendere i bancali a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato. (ANSA).
   

Perugia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24