Raffaele Sollecito, penso io fortunato

Umbria
@ANSA
eb268971186369b05130039ee97f4eb6

Ricorda detenzione omicidio Meredith, ora tranquillità

(ANSA) - PERUGIA, 24 MAR - "Sono tre settimane che mi è vietato di uscire di casa, ma in tutta questa pandemia stavo ripercorrendo con la mente i miei ricordi e mi sono accorto che in effetti, sono fortunato": a sottolinearlo è Raffaele Sollecito, detenuto per quasi quattro anni per essere stato coinvolto nell'indagine sull'omicidio di Meredith Kercher (a Perugia) e poi scarcerato e definitivamente assolto. Su Facebook parla della sua esperienza nei giorni del coronavirus (trascorsi in Puglia con la famiglia) e del periodo passato in cella. "Sto vivendo questa reclusione - afferma Sollecito - con spirito di tranquillità assoluta, ma mi ricordo quanto ti fa soffrire chi ti toglie ogni speranza".
    Il giovane spiega di essersi messo inizialmente in quarantena volontaria di ritorno da un viaggio con la fidanzata in Lombardia. Nel post va quindi con il pensiero al periodo della detenzione. "Mi ricordo - scrive - chi ti impone di compilare moduli per vedere rispettati almeno in piccola parte i tuoi diritti di essere umano". (ANSA).
   

Perugia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24