Coronavirus, sindaco di Delia striglia i suoi concittadini. VIDEO

Sicilia

Gianfilippo Bancheri ha riportato alcuni comportamenti, invitando tutti a rispettare le norme: “Come fa ad andare tutto bene se moltissime persone tutti i giorni escono di casa per fare la spesa, quando la spesa si dovrebbe fare una volta ogni dieci giorni?"

Il sindaco di Delia, in provincia di Caltanissetta, ha 'strigliato' i propri concittadini con un video su Facebook, rimproverandogli di non rispettare le norme adottate per contrastare il Coronavirus (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - ANTIVIRUS, L'ITALIA CHE RESISTE).

Lo sfogo del sindaco

Nel video il primo cittadino, Gianfilippo Bancheri, dopo aver annunciato che il tampone di una donna di Delia è risultato negativo, ha riportato alcuni comportamenti dei suoi concittadini, invitando a rispettare le norme: “Moltissimi di voi scrivono andrà tutto bene, ma io vorrei capire come fa ad andare tutto bene se moltissime persone tutti i giorni escono di casa per fare la spesa, quando la spesa si dovrebbe fare una volta ogni dieci giorni? Come andrà tutto bene se ogni giorno tantissime persone escono per andare a comprarsi le sigarette, al posto che fare la scorta una volta sola?".

"Vogliamo fare le persone serie?"

Nel filmato il sindaco chiede ai cittadini di "fare le persone serie", dicendo di essere andato personalmente a fermare una festa di condominio in cui erano radunate molte persone. "Stiamo giocando con la pelle nostra e di tutta la cittadinanza", si è sfogato il sindaco che ha concluso il video dicendo che "è giusto che chi sbaglia paghi. È giusto che venga sanzionato e denunciato perché qualcuno evidentemente non riesce a collegare ancora il cervello.  

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.