Covid Campania, bollettino: 199 casi su oltre 8mila tamponi molecolari

Campania
©Getty

I posti letto di terapia intensiva disponibili sono 656, quelli occupati sono 40

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Sono 199 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 8.686 tamponi molecolari processati. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI - I DATI DEI VACCINI IN ITALIA)

18:34 - Vaccini, in Campania somministrate 4.004.790 dosi

In Campania complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 2.888.660 cittadini. Di questi 1.116.130 hanno ricevuto la seconda dose. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale: 4.004.790.

16:45 - In Campania 199 positivi su oltre 8mila tamponi molecolari

Sono 199 i positivi accertati in Campania nelle ultime 24 ore di cui 146 asintomatici: e 53 sintomatici. E' quanto fa sapere l'Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. I positivi - sia sintomatici che asintomatici- si riferiscono ai tamponi molecolari che sono stati 8.686 mentre quelli antigenici ammontano a 4.257. I pazienti deceduti sono 11 (3 deceduti nelle ultime 48 ore, 8 deceduti in precedenza ma registrati ieri). Il totale dei deceduti dall'inizio della pandemia è di 7.326. I guariti nelle ultime 24 ore sono 648 e il totale guariti è di 354.088. I posti letto di terapia intensiva disponibili sono 656, quelli occupati sono 40. I posti letto di degenza disponibil sono 3.160 (posti letto Covid e Offerta privata.), i posti letto di degenza occupati sono 467.

16:12 - De Luca: "Su richiamo Astrazeneca servono risposte chiare?"

"Oggi dovremo porre un quesito: chi è sotto i 60 anni e ha fatto la prima dose Astrazeneca che fa con il richiamo? A chi lo chiedo, a un generale o a un medico? Io non so a chi devo fare la domanda". Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella sua diretta Facebook settimanale. "Intanto - ha detto - aspettiamo il Cts che non è competente mentre tace l'Aifa. Chi ci dice la dose che dobbiamo fare? Ora non somministreremo l'Astrazeneca sotto i 60 anni ma speriamo di avere presto risposte chiare. E visto che chiariamo chi fa cosa, ricordo che il commissario nazionale covid non c'entra niente con lo sforzo organizzativo che è solo delle Regioni, le 500.000 dosi di vaccino le ha fatte il commissario? No, a Roma decidono gli obiettivi che vengono raggiunti dalle Regioni".

16:05 - De Luca: "Gestione piano Covid fuori dal ministero è inadeguata"

"Abbiamo visto emergere nelle ultime ore contraddizioni perché sulla gestione del piano covid siamo l'unico paese al mondo in cui gestione non è affidato al ministero della salute ma a una struttura esterna con un commissario, prima il manager Arcuri ora un generale dell'esercito". Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella sua diretta Facebook settimanale. "Si è scelta - ha aggiunto - una gestione fuori dal ministero e questo è improduttivo nella battaglia contro il covid. C'è un aspetto organizzativo e logistico che non richiede premi nobel e un aspetto medico-scientifico che deve garantire sanità e vaccini. In tutti paesi del mondo fanno entrambi capo al ministero della salute tranne che in Italia, che sta rivelando la sua inadeguatezza".

13:15 – Napoli, festa per l'onomastico interrotta dai carabinieri

I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno interrotto la scorsa notte, ai Quartieri Spagnoli, nel quartiere Montecalvario della città, una festa con circa 50 persone organizzata per l'onomastico di un bambino di 5 anni. Organizzata tra l'altro anzitempo visto che l'onomastico del piccolo cade tra tre giorni. Gli invitati sono stati trovati dai militari radunati attorno ad un piccolo palco completo di casse, microfono e mixer, dove il cantante si stava esibendo. Sanzionati per la violazione delle norme per la pubblica sicurezza, per la mancata autorizzazione comunale all'occupazione al suolo pubblico e per la violazione della normativa anti-contagio l'artista, il suo staff e la madre del festeggiato. L'assembramento è stato sciolto e alcuni dei presenti sono stati sanzionati per violazioni delle norme anti Covid.

9:26 - Mille manifesti 'No Dad' a Napoli: “Alunni dispersi”

Una lunga scia di manifesti, circa mille, che ritraggono sagome di alunni e alunne, sono comparsi stamattina sui cancelli di alcune scuole e nelle strade del centro di Napoli. L'iniziativa è stata realizzata la notte scorsa dai genitori 'No Dad' del gruppo 'Usciamo dagli schermi' che così hanno deciso di denunciare l'incremento del fenomeno della dispersione scolastica legata alla didattica a distanza a cui per molti mesi si è fatto ricorso in Campania. Un giorno non casuale: oggi a Napoli termina l'anno scolastico segnato, come riportato anche da alcuni studi tra cui quello del Comune di Napoli, dall'abbandono della scuola da parte di centinaia di studenti che non hanno seguito le lezioni a distanza. ''La Dad è bocciata. A settembre tutti a scuola'' è il coro unanime dei 'No Dad' che denunciano: ''In questo anno e mezzo di pandemia, la scuola ha pagato il prezzo più alto e il dramma della dispersione scolastica dovuto alla Dad in città è stato fotografato a livello internazionale e denunciato da numerosi esperti''. I genitori si augurano che ''mai più si faccia ricorso alla Dad non solo per evitare che ci siano altri studenti dispersi ma anche per i costi sociali connessi quali l'aumento della disoccupazione e della criminalità, per i danni alla vista e al sistema muscolo-scheletrico dei ragazzi e per l'aumento delle dipendenze dai dispositivi informatici, fenomeno - dicono - riscontrato anche nella prima infanzia''. No alla Dad anche perché causa di ''marginalizzazione delle disabilità e per i costi e i carichi di lavoro che hanno pesato su lavoratori, famiglie e in particolare sulle donne; di perdita della privacy e del tempo libero dal lavoro e perché impedisce l'apprendimento con il corpo e di relazione, sostituito da un apprendimento che segue il modello uomo-macchina e - concludono - ancora No perché ha aumento i conflitti, la solitudine e l'alienazione''. E in vista del prossimo anno scolastico, le famiglie auspicano che "il vaccino non sia usato come arma di ricatto per garantire la scuola in presenza".

7:20 - In Campania 209 casi su 8.883 tamponi

Sono 209 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 8.883 tamponi molecolari processati. Il tasso di incidenza - calcolato senza tenere conto dei test antigenici - è del 2,35%. Nel bollettino diffuso dall'Unità di Crisi si registrano 27 nuove vittime. I guariti sono 753. Sul fronte degli ospedali, i posti letto in terapia intensiva occupati sono 43 (dato inalterato), quelli di degenza 482 (-36).

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.