Napoli, morta suicida per video hot finito su internet: recuperati i dati dagli account

Campania
©Ansa

Tiziana Cantone si è tolta la vita il 13 settembre 2016 perché dei video privati che la ritraevano erano finiti sul web a sua insaputa. Le indagini difensive hanno finora permesso di far aprire il fascicolo in procura per frode processuale e ipotizzare che la donna sarebbe stata vittima di un omicidio

Saranno depositati presso la procura della Repubblica di Napoli Nord i dati (inclusi i contatti telefonici e le attività internet) ottenuti dall'accesso agli account di Tiziana Cantone, la 31enne morta suicida il 13 settembre del 2016 perché i video privati che la ritraevano erano finiti su internet a sua insaputa.

I dati recuperati

I contenuti erano stati cancellati dall'Ipad e dall'Iphone della donna, mentre i due apparecchi erano in custodia della polizia giudiziaria che indagava sulla morte della 31enne. Sulla cancellazione dei dati è stata aperta un'inchiesta dalla procura di Napoli Nord per frode processuale. L'accesso agli account di Tiziana Cantone è stato ottenuto dagli esperti dell'Emme-Team, il gruppo di studi legali con sede a Chicago che assiste da oltre un anno Teresa Giglio, la madre della 31enne.

Le indagini

Le indagini difensive hanno permesso finora non solo di far aprire alla Procura (sostituto procuratore Giovanni Corona) il fascicolo per frode processuale (19 le "anomalie" accertate dall'Emme-Team che avrebbero ridotto l'iphone e l'Ipad ad una tabula rasa), ma anche di ipotizzare un nuovo scenario circa la morte di Tiziana, classificata da subito come suicidio. Per l'Emme-Team, di cui fa parte anche il difensore della Giglio, Salvatore Pettirossi, Cantone sarebbe stata vittima di un omicidio.

L’ipotesi di omicidio

La prova sarebbe nella pashmina che la 31enne avrebbe usato per impiccarsi. Sul foulard, dissequestrato a novembre su richiesta del legale della Giglio, sono state infatti rinvenute tracce biologiche maschili, oltre a quelle di Tiziana Cantone e della zia, che per prima trovò il corpo della ragazza e le sfilò subito la pashmina che le stringeva il collo. Tali risultanze sono state prodotte alla Procura, che dovrà decidere si riaprire una nuova indagine per omicidio dopo l'archiviazione di quella per istigazione al suicidio.

La frode processuale

Intanto l'ufficio inquirente avrà a disposizione del materiale rilevante per l'indagine sulla frode processuale e per scandagliare la vita di Tiziana Cantone prima della morte. L'accesso agli account - che Emme Team ha ottenuto da Apple e dalle società proprietarie dei social network, come Facebook, Instagram e Twitter - ha infatti portato alla luce non solo i nomi di tutte le persone con cui Tiziana Cantone era in contatto, ovvero la rubrica telefonica con al suo interno tutti i contatti telefonici e WhatsApp, ma anche le prove certificate delle manomissioni avvenute, includendo tra le prove scoperte il numero di telefono dello smartphone usato per l'accesso non autorizzato e la geo-localizzazione di dove ciò è avvenuto.

Oltre 100 denunciati per la diffusione dei video

Nei mesi scorsi, grazie al sistema di identificazione di Emme-Team ribattezzato "metodo Cantone", sono stati scoperti e denunciati oltre cento presunti responsabili della diffusione dei video privati di Tiziana Cantone. Quel metodo è ora utilizzato da molte polizie giudiziarie in Italia.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.