Coronavirus in Campania, 46 casi positivi nelle ultime 24 ore

Campania

Cinque i casi provenienti dall'estero o contatti di precedenti casi di rientro, otto quelli derivanti dallo screening connesso alle strutture ricettive di Sant'Antonio Abate (Napoli) dove era stata registrata la presenza di un focolaio

Il nuovo live con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Sono 46 i positivi in Campania nelle ultime 24 ore. 5 sono provenienti dall'estero o contatti di precedenti casi di rientro e 8 derivanti dallo screening connesso alle strutture ricettive di Sant'Antonio Abate (Napoli) dove era stata registrata la presenza di un focolaio. Nella giornata sono stati effettuati 3.389 tamponi. (LA DIRETTA).

19:46 - Borrelli, folla e pochi controlli agli imbarchi

"Ancora una volta decine di viaggiatori ci segnalano lunghe file agli imbarchi del molo Beverello per le isole del Golfo, con pochi controlli e distanziamento non rispettato. Ancora una volta dobbiamo segnalare a gran voce questa situazione molto pericolosa. La superficialità non può essere adottata in un momento storico così delicato, non possiamo permetterci di mettere in lockdown le nostre isole, sarebbe devastante per l'economia". Queste le parole di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi - Europa Verde. "Il rischio per la salute pubblica durante questi assembramenti - sottolinea Borrelli - è elevatissimo e non possiamo consentirci errori. Chiedo un intervento immediato delle forze dell'ordine e all'autorità portuale per ristabilire l'ordine e garantire controlli e sicurezza, ai viaggiatori e ai cittadini delle isole". "La gestione della pandemia da parte della Regione Campania è stata esemplare, ora non si può abbassare la guardia - prosegue il consigliere -. In questo momento stiamo assistendo ad una piccola ondata di contagi di ritorno, un campanello d'allarme che deve far alzare l'attenzione e ripristinare i controlli nei punti nevralgici della città, dove i rischi sono più alti".

18:39 - Nel Cilento vigile messo ko da ex pugile durante controlli

Un agente della Polizia municipale di Agropoli (Salerno) è stato aggredito mentre stava svolgendo dei controlli in via Granatelle, nel comune cilentano. A scagliarsi contro il pubblico ufficiale un 48enne con un passato da pugile professionista, che ha colpito l'agente alle spalle, procurandogli una frattura al costato, per poi darsi alla fuga. L'aggressore è stato identificato ma sono in corso ulteriori accertamenti. L'agente ha riportato la frattura di due costole e una prognosi di 15 giorni. Il Comune di Agropoli ha fatto sapere, attraverso i propri legali, che garantirà sostegno al dipendente. "Condanniamo fermamente la violenta aggressione subita dal nostro vigile urbano mentre era nello svolgimento delle sue mansioni", ha affermato il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola. "Un gesto indegno - ha aggiunto - che è stato compiuto a danno di un pubblico ufficiale che si è sempre distinto per serietà e professionalità. Mentre auguro una pronta guarigione al nostro vigile urbano, confido che il protagonista di questa vergognosa vicenda, possa venire presto assicurato alla giustizia. La nostra città ha sempre respinto ogni forma di violenza e sempre lo farà".

18:02 - Pozzuoli; niente test per chi rientra da viaggi

Difficoltà nel sottoporsi ai test previsti dall'ordinanza emessa dalla Regione Campania nei giorni scorsi per i numerosi residenti a Pozzuoli rientrati da viaggi compiuti all'estero a partire dal 29 luglio scorso. Un disagio che è andato ampliandosi in questi giorni di Ferragosto scanditi da numerosi rientri dall'estero, specie da Croazia, Grecia e Spagna, Paesi in cui il contagio da Covid 19 è in crescita. Di qui le segnalazioni a ripetizione sui social e al sindaco, Vincenzo Figliolia, per evidenziare la grave disfunzione. Il sindaco ha risposto rassicurando la popolazione con un post sulla sua pagina Facebook: "In molti mi scrivono dei disagi per le segnalazioni dei rientri all'Asl Napoli 2 Nord. Le richieste che l'Asl sta ricevendo sono decine di migliaia. Mi hanno assicurato che sono tutte registrate e sarete richiamati tutti nell'arco di 5/6 giorni". E ha precisato: "Effettuare un tampone immediatamente dopo il rientro potrebbe dare un risultato falso, quindi bisognerà aspettare. Vi invito ad osservare l'ordinanza vigente, con obbligo di comunicazione all'Asl attraverso l'email, e l'isolamento domiciliare fino all'esito del test. Tuteliamoci insieme e non vanifichiamo mesi di sacrifici".

17:18 - 46 i positivi in Campania nelle ultime 24 ore

Sono 46 i positivi in Campania nelle ultime 24 ore. 5 sono provenienti dall'estero o contatti di precedenti casi di rientro e 8 derivanti dallo screening connesso alle strutture ricettive di Sant'Antonio Abate (Napoli) dove era stata registrata la presenza di un focolaio. Nella giornata sono stati effettuati 3.389 tamponi. Il totale dei positivi è di 5.278 su un complessivo di 361.893 tamponi. Non si registrano decessi (il bilancio complessivo è di 440). Due i guariti del giorno, per un totale complessivo di 4.305. 

16:12 - Pediatri Fimp, test veloci e certezze per famiglie campane

"Con l'aumento significativo dei casi positivi di questi giorni in Europa, siamo di fronte ad una vera e propria prova generale, che ci sta consentendo di valutare la tenuta del sistema sanitario regionale, che sarà messo a dura prova alla riapertura delle scuole. Abbiamo grandi perplessità sul modo di procedere che si sta adottando nella maggioranza delle Asl campane. Ad oggi pochissime Asl stanno garantendo ai cittadini di rientro dall'estero di poter fare i tamponi e avere risultati in 48/72 ore. Rispetto a molte altre regioni italiane, dove i tamponi sono la norma, il rischio di scaricare sulle famiglie il problema dei rientri dei ragazzi è forte: di fatto si chiude la partita intimando l'isolamento domiciliare per 14 giorni, in attesa che vengano effettuati i tamponi ma senza comunicare ai cittadini se e quando. In vista della riapertura delle scuole questo modello è impensabile, bisogna garantire invece tamponi rinofarongei in tempi celeri e certi". A chiedere un cambiamento di rotta, per voce del vice presidente nazionale Antonio D'Avino, sono i pediatri di famiglia della FIMP. Tre le misure che i pediatri di famiglia chiedono con forza: possibilità di prescrivere direttamente i tamponi rino-faringei, certezza che i tamponi siano eseguiti entro 24 ore dalla richiesta e che contestualmente siano processati e i risultati inviati in tempi rapidi sia al pediatra che all'assistito. "Con l'autunno e la riapertura delle scuole - dice D'Avino - i bambini con sintomi simil influenzali saranno moltissimi. Se non si garantirà alle famiglie esecuzione di tamponi e loro refertazione in tempi certi andremo verso un disastro. Non è pensabile che i bambini e i genitori, ai primi episodi febbrili dopo l'apertura delle scuole, rischino di rimanere in quarantena e che debbano aspettare un generico impegno delle Asl a procedere ai tamponi". 

13:43 - Torre Annunziata, positiva donna rientrata da Grecia

Un nuovo caso di Coronavirus a Torre Annunziata. A comunicarlo, attraverso una nota, è l'ufficio stampa del sindaco Vincenzo Ascione, secondo il quale ''si tratta di una trentottenne rientrata da una vacanza in Grecia e sottoposta, secondo le disposizioni vigenti, al test del tampone, al quale è risultata positiva. La donna, che vive a Roma - informa ancora il comunicato - attualmente è in isolamento domiciliare presso l'abitazione dei genitori che risiedono a Torre Annunziata''.
Con questo, salgono a 21 i casi complessivi che hanno riguardato la città vesuviana dall'inizio della pandemia, dei quali due sono attualmente positivi, entrambi sottoposti al regime di quarantena domiciliare. L'ufficio stampa del sindaco Ascione sottolinea inoltre che ''ad oggi sono stati analizzati 15 tamponi di persone residenti sul territorio che avevano partecipato ad una cerimonia presso la struttura ricettiva La Sonrisa di Sant'Antonio Abate e tutti hanno dato esito negativo''.

11:06 - De Magistris: "Napoli punto di riferimento per senso comunità"

"Ferragosto tra i più fragili della città: poveri, immigrati, bambini. Ho portato poi la vicinanza e la gratitudine ad alcune delle categorie che, come noi, non si fermano nemmeno in questi giorni: donne e uomini delle forze di polizia, protezione civile, medici, infermieri, personale sanitario. Un pomeriggio tra la gente, nella #Napoli che resiste e riparte, con responsabilità e coraggio, senza paura, con resilienza e visione. La sera ancora tante iniziative culturali, con molta partecipazione popolare nel rispetto della sicurezza sanitaria. Sono molto stanco, non ci siamo fermati mai un giorno, ma sono orgoglioso di quanto Napoli sia sempre di più un punto di rifermento per capire e costruire un profondo senso di comunità, nella fratellanza e giustizia sociale. Buona domenica". Lo scrive su Facebook il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris

10:37 - De Magistris su mezzi di trasporto: "Settembre potrebbe essere difficile da gestire"

"Finora abbiamo retto bene, il problema sarà a settembre con la ripresa dell'anno scolastico, il rischio c'è perché la capienza è ridottissima, quindi c'è un rischio da una parte di aumento del traffico veicolare di autovetture, dall'altra che più persone cercheranno di salire comunque sui mezzi. Quindi noi sindaci, soprattutto quelli delle grandi città, siamo molto preoccupati che settembre possa essere molto difficile da gestire". E' il timore espresso dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, intervistato da RTL 102.5 all'interno di 'NON STOP NEWS. Il sindaco De Magistris si esprime anche a proposito della ripresa del turismo: "Per come era messa la situazione noi siamo molto soddisfatti, con tanta gente ma con distanziamento e sicurezza sanitaria, si cominciano a vedere anche i turisti e ringrazio i napoletani".

10:35 - De Magistris: "Ringrazio giovani di Napoli e Italia in fase lockdown"

"Io li voglio ringraziare i giovani di Napoli e di Italia, soprattutto nella fase di lockdown, perché non era scontato che tanti giovani restassero con così tanto scrupolo a casa, e anche adesso con alcune eccezioni, certo alcune cose vanno riviste, ma io non me la sento di considerare i giovani un pericolo. La maggior parte si comporta correttamente, bisogna avere buon senso e senso di responsabilità, ma anche vivere e e imparare a convivere con il virus per molto tempo". Così il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, intervistato su RTL 102.5 all'interno di 'NON STOP NEWS' in merito agli appelli alla responsabilità che vengono rivolti ai giovani.

10:34 - De Magistris: "Paese non riparte se non riaprono le scuole"

"Noi sindaci siamo in prima linea, dobbiamo programmare l'apertura di un anno scolastico difficile, però si può fare, si può coniugare sicurezza sanitaria, responsabilità e voglia di vivere e di rinascere e Napoli sta cerando di farlo. Con la scuola noi ci stiamo preparando al 14 settembre, stiamo sistemando gli istituti; certo il Governo nazionale e regionale non è che… E quindi mentre a Roma si parla, noi dobbiamo preparare l'opzione A che è il ritorno a scuola sperando che la situazione non peggiori. Io non vedo ripartenza senza il ritorno a scuola, il Paese senza riprendere la vita della comunità scolastica non ce la può fare". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, intervistato da RTL 102.5 all'interno di 'NON STOP NEWS', pensando alla riapertura delle scuole a Napoli. "Sull'argomento si è parlato tanto e si è fatto un pò di ritardo, c'è bisogno di aumentare il personale per far fronte ad eventuali doppi turni; noi a Napoli abbiamo cercato di individuare nuovi spazi e sono contrario ad ipotizzare già da adesso la didattica a distanza, quella deve essere solo emergenziale per il resto proviamo a riprendere con tutte le misure di sicurezza necessarie", conclude il sindaco.

10:08 - Torre Annunziata, donna rientra da Grecia: è positiva

Un nuovo caso di coronavirus a Torre Annunziata (Napoli). A comunicarlo, attraverso una nota, è l'ufficio stampa del sindaco Vincenzo Ascione, secondo il quale ''si tratta di una trentottenne rientrata da una vacanza in Grecia e sottoposta, secondo le disposizioni vigenti, al test del tampone, al quale è risultata positiva''. ''La donna, che vive a Roma - informa ancora il comunicato - attualmente è in isolamento domiciliare presso l'abitazione dei genitori che risiedono a Torre Annunziata''. Con questo, salgono a 21 i casi complessivi che hanno riguardato la città vesuviana dall'inizio della pandemia, dei quali due sono attualmente positivi, entrambi sottoposti al regime di quarantena domiciliare. L'ufficio stampa del sindaco Ascione sottolinea inoltre che ''ad oggi sono stati analizzati 15 tamponi di persone residenti sul territorio che avevano partecipato ad una cerimonia presso la struttura ricettiva La Sonrisa di Sant'Antonio Abate e tutti hanno dato esito negativo''. 

7:10 – Giunte 1.950 segnalazioni di rientro dall’estero ad Asl Na 1

In attuazione della Ordinanza n. 68 del 12 agosto del Presidente della Giunta regionale della Campania che impone la segnalazione al rientro dai viaggi da alcuni paesi esteri all'Asl Napoli 1 sono giunte 1950 segnalazioni di rientro dall'estero e 819 telefonate di informazioni; all'Asl Napoli 900 segnalazioni e 385 telefonate di informazioni; all'Asl NA3 613 segnalazioni; all'Asl BN: 295 segnalazioni e 240 telefonate di informazioni ; all' ASL Av 655 segnalazioni; all'Asl Ce 664 segnalazioni e 549 telefonate di informazioni e all'Asl Salerno 1.017 segnalazioni e 364 telefonate di informazioni. Per un totale dal giorno 13 di 6.094 segnalazioni di rientro e 2.357 telefonate di informazioni Dalla giornata di ieri sono stati eseguiti 1.468 tamponi e 107 test sierologici.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.