Coronavirus Campania, sindaco di Lauro chiede proroga della zona rossa

Campania

Antonio Bossone ha chiesto che l'ordinanza, in scadenza il prossimo 10 aprile, venga prorogata per un ulteriore periodo di tempo allo scopo di mettere in sicurezza tutti i cittadini e attendere lo screening sulla popolazione che la Asl di Avellino sta organizzando

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania 

Secondo i dati raccolti fino alla scorsa mezzanotte, in Campania su 25.779 tamponi eseguiti ammonta a 3.148 il totale dei positivi. I deceduti sono stati 216 mentre il totale dei guariti è a quota 167 (di cui 90 totalmente guariti e 77 clinicamente guariti). Lo rende noto l' Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologia da COVID-2019. Ad Ariano Irpino, in provincia di Avellino, una delle cosiddette "zone rosse" della Campania, altre due persone sono risultate positive al Coronavirus.
Ieri sera, ancora attimi di tensione del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Dopo la rivolta di domenica, scoppiata a seguito della positività di un detenuto, durante una perquisizione gli agenti hanno trovato spranghe e altri oggetti contundenti nelle celle. Infine, per il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il Governo "deve agire più rapidamente. Mi rendo conto delle difficoltà ma credo che non ci siamo ancora con quello di cui il Paese necessita davvero", le sue parole. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

18:44 - Presidente II municipio Napoli: "Solidarietà ora tiene lontana camorra"

"La rete di solidarietà sta sopperendo bene alle difficoltà delle persone nel periodo del covid19, proviamo a farlo sul medio periodo, non solo sul brevissimo, ma c'è bisogno di mettere ancora in campo azioni, perché la paura è che qualcuno possa marcare il territorio in modo diverso". Lo afferma Ivo Poggiani, presidente della II Muncipalità di Napoli, che comprende zone che stavano vivendo un rilancio turistico, economico e sociale, come il Rione Sanità. "Il grande lavoro degli anni scorsi - dice Poggiani - delle forze ordine, con lo smantellamento dei tre clan del territorio, ha messo un freno alla criminalità ma sappiamo che non è sparita la camorra. E' certo uno dei timori che abbiamo, le tante iniziative di solidarietà almeno al momento non ci fanno vedere ciò che abbiamo visto altrove al Sud dove a volte sono proprio i clan a gestire le emergenze. Adesso teniamo botta egregiamente, siamo però molto preoccupati non solo per questo ma per tenuta complessiva e sociali dei quartieri. Vediamo in tutto il mondo persone che assalgono supermercati e esercizi commerciali. La solidarietà serve per questo, deve essere diffusa, non bastano iniziative spot, dobbiamo calibrarci su numeri di migliaia di persone per ogni municipalità e non è uno sforzo semplice" Poggiani sottolinea anche la forte percezione delle difficoltà: "La percezione delle difficoltà - spiega - cambia radicalmente: se ieri ci si mascherava, c'era vergogna, oggi tante persone mostrano problemi di sussistenza quotidiana. Abbiamo messo insieme in rete 8 parrocchie, 150 esercizi commerciali, un centinaio di volontari diffusi sul territorio. Attraverso l'iban della municipalità abbiamo raccolto più di diecimila euro, la gente dona ancora, e quotidianamente la rete della municipalità con impegno soddisfa le esigenze di un centinaio di famiglie che hanno gravi problemi. Sono preoccupato perché non so quanto durerà la solidarietà delle persone, non so quanto ancora possiamo chiedere a chi ha uno stipendio fisso di dare una mano".

18:21 - A Caserta oltre 2mila richieste per buoni spesa

Sono oltre duemila, alla scadenza di ieri, le mail pervenute al Comune di Caserta alla casella predisposta per le richieste dei buoni spesa previsti dall'Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile con l'obiettivo di supportare le famiglie in questo momento di difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus. L'ufficio incaricato sta analizzando le pratiche, eliminando le domande doppie, valutando gli eventuali errori materiali ed effettuando le verifiche anagrafiche previste. Al termine dell'istruttoria, i beneficiari riceveranno all'indirizzo mail utilizzato per la domanda, una comunicazione con tutte le indicazioni necessarie ad utilizzare i buoni. L'iter è stato ulteriormente snellito, grazie all'utilizzo di un software che semplifica in maniera decisiva l'emissione dei buoni, la loro fruizione da parte degli utenti e la gestione a cura dell'esercente, con la supervisione del Comune di Caserta. La piattaforma, inoltre, consentirà di eliminare qualsiasi pericolo di truffa o clonazione e consentirà al beneficiario di utilizzare i buoni in maniera frazionata presso gli esercizi commerciali, tra rivenditori di generi alimentari, di prima necessita e farmacie, attraverso il codice a barre ricevuto via mail e leggibile anche dal proprio smartphone.

18:11 - Mascherina obbligatoria nel comune di Ischia

Il sindaco del comune di Ischia (Napoli) ha emanato un'ordinanza stamane con cui rende obbligatorio l'utilizzo della mascherina ogni volta che si lascia l'abitazione. Il primo cittadino, Enzo Ferrandino, ha stabilito altresì l'uso delle mascherine in tutti gli esercizi commerciali, sia per i clienti che per i dipendenti. In un altro comune isolano, Casamicciola, ha preso il via stamattina lo screening delle categorie a rischio coronavirus con test rapidi sierologici organizzato dal comune: su 50 persone controllate è stata trovato un solo caso positivo, un dipendente pubblico di fatto immunizzato ed asintomatico; per lui quarantena immediata e comunicazione alla ASL per l'effettuazione del tampone. 

17:38 - In Campania complessivamente 3148 positivi, 216 i deceduti

Secondo i dati raccolti fino alla scorsa mezzanotte in Campania su 25.779 tamponi eseguiti ammonta a 3.148 il totale dei positivi. I deceduti sono stati 216 mentre il totale dei guariti è a quota 167 (di cui 90 totalmente guariti e 77 clinicamente guariti). Lo rende noto l' Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologia da COVID-2019. Questo il riparto provincia per provincia: a Napoli 1.643 casi (709 in città e 934 in provincia); Salerno 468 casi; Avellino 375 casi; Caserta 331; Benevento 111 casi. Altri in fase di verifica Asl: 220.  

17:14 - Il sindaco di Lauro chiede proroga zona rossa

Strade deserte, accessi alla viabilità esterna sbarrati da blocchi di cemento: Lauro, 3.400 abitanti in provincia di Avellino, è un paese blindato nella "zona rossa" dichiarata dall'Unità di crisi della Regione nella notte di domenica scorsa, dopo che sono stati trovati positivi gli otto componenti di una famiglia che gestisce un supermercato al centro del paese. Il sindaco, Antonio Bossone, ha chiesto che l'ordinanza, che scade il prossimo 10 aprile, venga prorogata per un ulteriore periodo di tempo allo scopo di mettere in sicurezza tutti i cittadini e attendere lo screening sulla popolazione che la Asl di Avellino sta organizzando. Potrebbero arrivare fino a 200 i potenziali contagiati che come clienti o fornitori hanno potuto contrarre il virus. La famiglia risultata positiva nella serata di domenica scorsa, già da tre giorni aveva chiuso l'esercizio commerciale e si trovava in isolamento domiciliare volontario dopo che alcuni componenti avevano manifestato sintomi febbrili e tosse. Al momento per nessuno di loro si è reso necessario il trasferimento in ospedale. Si presume che il primo ad essere stato contagiato sia stato il titolare del supermercato che nei giorni precedenti si era recato in ospedale a Sarno (Salerno) per sottoporsi a controlli di routine. Con lui sono rimasti contagiati il padre, la moglie, i tre figli, una sorella e il figlio di quest'ultima.

17:14 - Giunta regionale approva piano da 604 milioni

La giunta regionale della Campania, nella riunione di oggi, ha approvato il Piano Socio-Economico della Regione Campania con lo stanziamento di 604 milioni. Nei tempi più rapidi saranno pubblicate le procedure operative per accedere alle misure del Piano. In queste ore è in corso la definizione della platea dei beneficiari e un sistema di accesso "che sia il più rapido possibile".

17:12 - Nel Sannio 103 positivi e 9 deceduti in totale

Salgono a 103 i casi i pazienti positivi al Covid 19 residenti in provincia di Benevento. Lo rende noto la Asl di Benevento evidenziando che oggi ci sono due unità in più di contagio rispetto a ieri. Trentasei pazienti sono ricoverati all'ospedale "San Pio" di Benevento, altri 36 a domicilio, 29 in altre strutture sanitarie private, e due fuori provincia. Ad oggi restano nove le persone decedute per Coronavirus nel Sannio.

16:59 - A San Giorgio a Cremano task force mapperà contatti positivi

La città di San Giorgio a Cremano (Napoli) è tra i primi comuni in Campania ad ospitare i tecnici dell'Asl nella sede principale del Municipio al fine di creare una task force congiunta tra dipendenti comunali e quelli dell'Asl Napoli 3, con il compito di migliorare la mappatura dei contatti delle persone positive al Covid-19 e cercare di migliorare i flussi di informazione tra i due enti, garantendo così un miglior controllo. Lo annuncia il sindaco, Giorgio Zinno, sulla pagina facebook. Da questa mattina, medici del distretto sanitario sono operativi presso il Palazzo di Città in una equipe integrata dal segretario del Centro Operativo Comunale che si sta occupando dell'emergenza e da responsabili dell'Igiene Urbana e della Protezione Civile. "Uno sforzo enorme per il nostro Comune, che mira a mettere in campo azioni innovative per limitare l'epidemia sul territorio, grazie alla disponibilità del direttore generale dell'Asl Napoli 3 Gennaro Sosto, della responsabile della Uop dr.ssa Carotenuto, del direttore di distretto Maria Teresa Stocchetti e del responsabile Uopc dott. Rosario Scarpati", scrive il sindaco secondo il quale grazie a questo gruppo di lavoro si potranno compiere "passi importanti nella conoscenza di tutti i dati del contagio potendo fornire a voi tutti anche dati più precisi rispetto alle ospedalizzazioni o al numero di tamponi in attesa".

16:58 - Asl Na2, anche a Pozzuoli il 'casello tampone'

E' entrato in attività anche a Pozzuoli il "Casello Tampone", il servizio di effettuazione dei tamponi direttamente in auto per rilevare l'infezione da Covid19 sui pazienti che presentano sintomi lievi. Ne dà notizia l'Asl Na2 Nord. Anche qui, come a Giugliano - si sottolinea in una nota - ci si potrà recare ad effettuare il tampone solo su specifica indicazione degli epidemiologi dell'Asl, a seguito di una verifica dei sintomi e della possibile esposizione al virus. Nella sola mattinata di oggi sono stati portati a termine a Pozzuoli tutti i 31 tamponi programmati, mentre già da domani si effettueranno 61 tamponi. Questo servizio assicura tempi rapidi - cinque minuti per singolo tampone contro le tre ore circa necessarie con il sistema tradizionale - tanto che a Giugliano in soli sette giorni di attività si è riusciti ad effettuare 480 tamponi. La postazione di Pozzuoli è stata collocata nell'area del parcheggio antistante l'ospedale Santa Maria delle Grazie. Anche in questo caso le forze dell'ordine hanno assicurato un proprio presidio per evitare eventuali disordini. ​Il servizio non è alternativo a quello effettuato dalle ambulanze del 118 al domicilio dei pazienti. L'azienda sanitaria sta già programmando l'attivazione di un ulteriore "Casello Tampone" anche sull'isola di Ischia.

16:40 - Napoli, tablet consegnati a studenti in difficoltà

Prosegue l'attività dei carabinieri del Comando provinciale di Napoli al servizio dei cittadini costretti a casa per il Coronavirus.. Nel quartiere Miano i carabinieri della stazione di Napoli- Secondigliano hanno offerto il proprio supporto alla dirigente scolastica dell'Istituto Superiore I.p.s.i.a. "Attilio Romanò", consegnando 13 tablet agli studenti della zona. I ragazzi ora potranno seguire da casa le lezioni rispettando il distacco sociale imposto dalla normativa anti-contagio. Ad Afragola, invece, i carabinieri della sezione Radiomobile, allertati dal 112, hanno fornito il proprio aiuto a una 82enne del posto. La signora, sola e disabile, ha chiamato il Pronto intervento chiedendo dei farmaci di cui aveva urgentemente bisogno. I militari hanno acquistato i medicinali e li hanno consegnati a domicilio direttamente nelle mani della donna.

16:29 - 4.000 domande per voucher di assistenza nel Napoletano

Sono circa 4.000 le domande giunte dai residenti dei quattro Comuni del Napoletano dell'Ambito N30 (Torre Annunziata, Boscotrecase, Boscoreale e Trecase) per accedere ai voucher assistenziali legati ai fondi statali giunti dopo l'ordinanza della protezione civile. È quanto riferisce, in una nota, l'assessore alle Politiche sociali di Torre Annunziata, Martina Nastri, segnalando come ''la graduatoria verrà pubblicata entro un paio di giorni''. ''Contiamo - prosegue - di riuscire ad ultimare tutte le consegne entro due settimane al massimo, dando priorità a chi ha un reddito pari a zero''. Ogni richiedente ammesso avrà a disposizione i buoni da spendere in generi di prima necessità e farmaci presso le attività e le farmacie aderenti. L'entità della cifra sarà definita in base alla composizione del nucleo familiare: da uno a due componenti il voucher avrà un importo pari a 200 euro; da tre a quattro componenti di 300 euro; con oltre quattro componenti sarà invece sarà di 350 euro. A Torre Annunziata nel frattempo, grazie alla collaborazione di Croce Rossa, protezione civile e associazionismo, si sta ultimando la consegna ordinaria di 400 dei pacchi alimentari, alla quali si sommano quelli derivanti dalla lista straordinaria frutto di indicazioni ricevute da parrocchie e dai richiedenti che si sono segnalati ai recapiti del Segretariato Sociale.

16:02 - Calcio, sul sito del Napoli workout da fare a casa per tutti

Mertens, Koulibaly, Ruiz e le altre stelle del Napoli si allenano a casa nella quarantena del coronavirus e il club azzurro ha deciso così di lanciare un allenamento a casa anche per i propri tifosi. Il Napoli ha infatti messo online sul proprio sito una serie di tutorial di esercizi fisici con l'iniziativa chiamata "SSC Napoli Home Workout", elaborata con il supporto e l'esperienza del proprio staff tecnico, Bruno Dominici, Dino Tenderini, Massimo Innocenti e Marco Sangermani;,membri dello staff di Gattuso, che presentano i video. Si tratta di un ciclo di 6 video lezioni di wellness casalingo disponibili sul sito web del club e suddivise in tre differenti livelli di difficoltà: base, intermedio e avanzato. "Una staff di una squadra di Serie A - spiega il capo delle operazioni azzurre Alessandro Formisano a Radio Kiss Kiss - è un eccellenza che può allenare non solo giocatori ma anche le persone comuni; cosi mi è venuta l'idea di formare tre livelli per consentire anche alla persona a casa di restare in forma. Abbiamo fatto qualcosa che sia accessibile a tutti. I video sono gratuiti, si possono vedere online sul sito del Napoli. Sono due lezioni per il livello base, due per il livello intermedio e due per il livello avanzato".

15:51 - Accordo con Regione, ospedale Betania nella rete Covid

Grazie a un accordo con la Regione Campania, l'ospedale evangelico Betania entra nella rete regionale Covid mettendo a disposizione 17 posti per il trattamento dei pazienti Covid, di cui 3 per i paucisintomatici e 14 per quelli in quarantena. Prevista inoltre la disponibilità di 141 posti per pazienti no-Covid per liberare altri ospedali. La decisione è scaturita al termine dell'incontro tra la delegazione della struttura sanitaria, guidata dal direttore generale Luciano Cirica, e il direttore generale della Tutela della Salute della Regione Campania Antonio Postiglione in seguito alla disponibilità resa dalla Fondazione Evangelica Betania di posti per pazienti Covid e no Covid da utilizzare nell'ambito della gestione dell'emergenza sanitaria. "La decisione della Regione di inserirci nella rete regionale Covid e accogliere la nostra disponibilità - afferma la presidente della Fondazione Evangelica Betania, Cordelia Vitiello - è un atto importante e significativo perché riconosce ancora una volta il lavoro che svolgiamo sul territorio, anche come ospedale religioso classificato". "Il nostro ospedale - si spiega nella nota - fin dall'inizio dell'emergenza è stato in prima linea nella gestione dei pazienti sospetti o contagiati dal virus Covid-19 avendo un Pronto Soccorso aperto h 24 e, nel contempo, attivando percorsi separati per l'accesso alla struttura, continuando a gestire anche le altre attività sanitarie non differibili, secondo quanto previsto dalle normative regionali, in particolar modo il Pronto Soccorso ginecologico e l'attività del Centro nascita con il percorso parto, grazie all'impegno profuso anche oltre il normale orario di servizio da tutto il nostro personale a cui va il nostro sentito ringraziamento". La responsabilità operativa della gestione dei posti Covid e no Covid sarà del direttore sanitario Antonio Sciambra, in prima linea con il suo staff dall'inizio dell'emergenza anche come responsabile dell'Unità di crisi. "Oltre quanto previsto nell'accordo - conclude Cordelia Vitiello - metteremo a disposizione dell'Unità di Crisi regionale un camper per supporto logistico e abbiamo raccolto la disponibilità di medici anestesisti e pneumologi attraverso le chiese e le strutture sanitarie evangeliche in Germania gemellate con noi".

15:31 - Volontari Agenzia Giovani impegnati in progetti di solidarietà

Il network radiofonico digitale InRadio dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, formato da 44 "antenne" locali distribuite in 13 regioni italiane e animato da 600 ragazzi, scende in campo con iniziative solidali a favore della collettività. Tra i progetti in corso di svolgimento in Campania - che conta 6 stazioni gestite da 78 ragazzi che coinvolgono 40mila loro coetanei - si segnala la spesa solidale dei ragazzi di Generazione sociale a Giugliano in Campania (Na), il Banco Alimentare di Giffoni Experience di Giffoni Valle Piana (Sa), la raccolta fondi, generi alimentari e di prima necessità per famiglie bisognose della città dei giovani di Active youth for Europe a Santa Maria la Carità (NA). Infine, i ragazzi di Promuovere APS Campania a Caposele (AV) sono al fianco della Protezione civile e della Pubblica Assistenza del Comune. "La storia di questi giorni è fatta anche da tante piccole storie di impegno sociale dei nostri volontari che ci danno speranza, di ragazzi e ragazze che si stanno adoperando a favore della collettività, in particolare dei più deboli, degli anziani e dei bisognosi", dichiara Domenico De Maio, direttore generale dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, che gestisce in Italia i programmi europei Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà.

14:32 - A Pompei 238mila euro per buoni spesa

Aiuti rapidi e concreti alle famiglie in difficoltà economiche, in seguito alla crisi derivata dall'epidemia da Covid-19: è quanto ha assicurato a 719 richiedenti il commissario prefettizio del Comune di Pompei, Santi Giuffrè, che ha firmato una convenzione per l'assegnazione di voucher-sociali (buoni-spesa) da spendere nei supermercati della città mariana. "Avevamo ricevuto dalla Protezione Civile 214mila euro per offrire sostegno a chi aveva bisogno di acquistare generi di prima necessità - spiega il commissario prefettizio Giuffrè - In grande velocità abbiamo pubblicato il bando per selezionare le società che potevano accedere alla convenzione con il Comune. Sono giunte tre offerte e l'analisi delle pratiche pervenute ci ha portati alla scelta di Ticket Restaurant con cui abbiamo acquistato 238mila euro di buoni-spesa, quindi anche più della somma assegnata a Pompei dalla Protezione civile. E credo che siamo tra i primi Comuni ad avere assolto a questo compito".

13:37 - Scoperta pasticceria abusiva durante controlli a Napoli

Nel corso dei controlli per garantire il rispetto delle norme anti coronavirus, la polizia locale di Napoli ha scoperto una pasticceria abusiva nella zona del Borgo S. Antonio, il cui titolare aveva occupato senza autorizzazione i locali da cinque anni e si era allacciato, sempre abusivamente, alla rete elettrica. L’uomo, 32 anni, è stato denunciato per furto aggravato e invasione di edifici, mentre i due clienti che si trovavano all’interno della pasticceria sono stati multati in base alla normativa anti-epidemia.

13:06 - Impresa informatica dona mascherine a Campania

Tremila mascherine a doppio strato saranno donate alla protezione civile della Regione Campania dalla "PC Distribution Spa", impresa di vendita on-line di telefonia mobile e computer.

12:54 - Attivata area post Covid nell'ospedale di Polla

All'ospedale Luigi Curto di Polla, nel Salernitano, è stata attivata da questa mattina l'area post Covid.  L'unico a sud di Salerno, si aggiunge a quello Covid già attivo, riservato ai degenti contagiati che non necessitano più di terapia intensiva o semi-intensiva, ovvero ai pazienti già negativi che devono osservare un periodo di quarantena prima di essere dimessi definitivamente.

12:52 - Sindaco "zona rossa" regala uova di Pasqua a bimbi

Rinuncia alla propria indennità di sindaco per acquistare 300 uova di Pasqua da donare a tutti i bimbi del paese. La vicenda è accaduta a Caggiano, piccolo centro del Salernitano dichiarato zona rossa dallo scorso 15 marzo. Le uova nelle prossime ore saranno consegnate direttamente presso le abitazioni dei bimbi.

12:45 - Anche a Salerno al via lavori Covid center

Sono arrivati questa mattina i tir che trasportano l'ospedale modulare che verrà installato all'interno dell'azienda ospedaliera Ruggi di Salerno per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Nella struttura prefabbricata sarà possibile ospitare 24 posti di terapia intensiva. 

12:40 - Ischia off limits per proprietari seconde case

Un'ordinanza emanata dai sindaci dei sei comuni dell'isola di Ischia (quello di Lacco Ameno è guidato da un commissario prefettizio che ha firmato il provedimento) vieta lo sbarco per l'intera Settimana Santa ai proprietari delle seconde case, per contenere la diffusione del Coronavirus. 

12:20 - A Pasqua e Pasquetta stop a Circumvesuviana e Cumana

I trasporti su ferro dell'EAV, che gestisce in Campania Circumvesuviana, Cumana e MetroCampania Nord Est non funzioneranno nei giorni di Pasqua e Pasquetta. I bus dell'EAV funzioneranno invece fino alle 13 sia domenica che lunedì. Lo rende noto il presidente di EAV srl, Umberto De Gregorio. La decisione è motivata "con le indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania, per evitare possibili assembramenti". "Richieste in tal senso - aggiunge De Gregorio - sono giunte anche da numerosi sindaci del territorio" 

11:44 - Lo sfogo di un medico di base di Napoli: "14 giorni per risultato tampone"

"Quattordici giorni per avere l'esito di un tampone eseguito ad un paziente, nessun dispositivo di sicurezza, neanche una mascherina. Ci hanno mandato allo sbaraglio contro il Covid-19". È lo sfogo di M.A., medico di Posillipo, quartiere residenziale di Napoli, dopo un mese di sollecitazioni angosciate dei pazienti, molti dei quali anziani, e di telefonate senza risposta alla ASL. "Noi medici di base siamo soli e senza armi. Un mio paziente è morto di Coronavirus. Ma i morti reali per l'epidemia potrebbero essere di più, perché i tamponi non vengono eseguiti neanche post-mortem". Bisognerebbe estendere il numero dei tamponi? "Certamente, come suggeriscono diversi infettivologi. Anche se bisogna ripeterli giorni dopo. Un tampone costa circa 15 euro, un giorno di ricovero in rianimazione oltre 3 mila, si eliminerebbero comunque molti propagatori del contagio" E il test rapido per il rilevamento degli anticorpi? "Ne ho qualcuno, ma non sono ancora del tutto attendibili". A Napoli la situazione non è ancora drammatica. "Sì, ma quello che viene fuori non è la realtà. Per chi è in prima linea, il quadro è disastroso".

11:20: de Magistris: "Governo agisca più rapidamente"

"Il Governo deve agire più rapidamente. Io capisco che Conte aspetta l'Europa ma se aspettiamo qualcuno arriviamo in ritardo. Mi rendo conto delle difficoltà ma credo che non ci siamo ancora con quello di cui il Paese necessita davvero". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenuto questa mattina a Kiss Kiss Italia. Per quanto riguarda i provvedimenti economici annunciati ieri sera dal premier, de Magistris ha sottolineato che "rispetto al Cura Italia, ora il Governo ha immesso maggiore liquidità. Conte giustamente chiede all'Europa i coronabond, chiede debito pubblico perché quando c'è la guerra, e questa per i disastri economici e sociali le assomiglia, è il pubblico che deve iniettare liquidità, creare reddito perché l'imprenditore prima di investire ha bisogno di sicurezza, di potersi rialzare. Bisogna mettere un po' di benzina nel motore prima di poter ripartire perché se si gira solo la chiave, l'auto non parte". Il sindaco si è detto "preoccupato perché ci troviamo di fronte a un'epidemia sociale ed economica senza precedenti e bisogna evitare che diventi una macelleria sociale ed economica con il rischio enorme di un contagio criminale che forse immetterà maggiore liquidità rispetto allo Stato”.

11:18 - Rinviato a settembre il Napoli Teatro Festival

Slitta a settembre l'edizione 2020 del Napoli Teatro Festival Italia. Diretta da Ruggero Cappuccio e organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano, la kermesse, a causa dell'emergenza Coronavirus non si svolgerà come l'anno scorso nel mese di giugno.  

11:12 - Ancora tensioni nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Ancora tensioni nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), dove è stato rilevato il primo caso di positività al coronavirus in un detenuto. Durante una perquisizione straordinaria disposta dall'amministrazione penitenziaria a seguito della rivolta verificatasi domenica, ieri sera le guardie hanno trovato e sequestrato spranghe ricavate dalle brande, bacinelle piene d'olio insieme a numerosi pentolini per farlo bollire, e altri oggetti contundenti. Gli animi dei detenuti si sono così surriscaldati tanto da costringere l’intervento di 150 agenti della penitenziaria, provenienti da Napoli, in supporto agli 80 agenti normalmente in servizio.

10:47 - Vincenzo De Luca visita il cantiere per Covid center di Napoli

Lavori no-stop per l'allestimento del Covid center, fatto di moduli prefabbricati, che a regime offrirà 72 nuovi posti di terapia intensiva alla periferia di Napoli, nei pressi dell'Ospedale del Mare. Stamane il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha visitato il cantiere, accompagnato dal direttore generale della Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva, che per tutta la notte ha seguito le operazioni, iniziate ieri sera con l'arrivo di una colonna di 57 tir partita da Padova per trasportare i moduli prefabbricati. "Andiamo avanti e rimaniamo concentrati", è l'invito che De Luca ha rivolto ai tecnici e alle maestranze. 

10:38 - Attracca a Napoli nave Costa, riporta equipaggio a casa

Questa mattina nel porto di Napoli è sbarcata la Costa Mediterranea, nave da crociera della compagnia italiana che a bordo non ha turisti, ma 780 persone di equipaggio. Dopo lo stop ai viaggi per la pandemia di Covid1-9 è stato scelto il porto di Napoli come attracco in Europa per far tornare a casa una parte dei membri dell'equipaggio. A bordo, dopo l'attracco, sono saliti i medici della sanità regionale Campana e dell'Usmaf (Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera) che stanno controllando la temperatura e facendo i test rapidi per il coronavirus a tutti i presenti a bordo. Lo sbarco è previsto per domani e coinvolgerà la parte dell'equipaggio che può raggiungere via terra da Napoli il proprio luogo di residenza a bordo di bus organizzati da Costa Crociere.

9:53 - Controlli delle Fiamme Gialle a Napoli

Proseguono i controlli del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli al fine di garantire il rispetto delle misure anti coronavirus. Nel fine settimana, le Fiamme Gialle hanno monitorato alcune delle aree più sensibili del centro città (via Caracciolo, via Toledo, Marechiaro) e i quartieri popolari, rilevando 8 infrazioni, tra cui una persona sorpresa mentre si recava al lavoro alla guida di un autoveicolo già sottoposto a fermo amministrativo. Sanzionato anche il titolare di un panificio a Soccavo, che continuava a somministrare ai clienti prodotti nonostante i divieti, mentre a Caivano altri tre soggetti sono stati individuati mentre acquistavano nel Parco Verde stupefacente per uso personale.

7:08 - 90 positivi, Campania a quota 3148

Sono 90 i tamponi risultati positivi al Coronavirus ieri in Campania. Lo comunica l'Unità di Crisi della Regione. Sempre nella giornata di ieri sono stati eseguiti 1.253 tamponi (25.779 in totale) e ora nella regione risultano positive complessivamente 3.148 persone.

7:05 - Altre due persone di Ariano Irpino positive

Due persone, residenti nel Comune di Ariano Irpino, in provincia di Avellino, una delle cosiddette "zone rosse" della Campania, sono risultate positive al Coronavirus. Lo comunica l'Asl di Avellino. I tamponi sono stati effettuati dall'Aorn"Moscati" di Avellino e ora si attende la conferma dell'Istituto Superiore di Sanità. L'Azienda Sanitaria Locale ha in corso l'indagine epidemiologica per procedere ad attivare la sorveglianza sanitaria sui contatti dei probabili casi.  

Napoli: I più letti