Coronavirus, morta a Caserta poliziotta 52enne. Era la ‘voce storica’ della questura

Campania

Era ricoverata in terapia intensiva per un'insufficienza respiratoria. Il risultato positivo del tampone è arrivato stamattina. In servizio da anni in servizio all'Ufficio di prevenzione generale, era lei a gestire le situazioni di ordine pubblico più delicate

Una poliziotta di 52 anni, considerata la "voce storica" della sala operativa della questura di Caserta, è deceduta all'ospedale del capoluogo dove era stata accertata la sua positività al Coronavirus (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - L'EMERGENZA IN CAMPANIA). Era ricoverata in terapia intensiva nell'azienda ospedaliera di Caserta dallo scorso weekend per un'insufficienza respiratoria. Nei giorni scorsi le è stato praticato il tampone, il cui risultato positivo è arrivato stamattina.

Era la 'voce storica' della sala operativa della questura

In servizio da anni in servizio all'Ufficio di prevenzione generale, era una "voce storica" della sala operativa e gestiva le situazioni di ordine pubblico più delicate. Dopo il decesso, cordoglio da parte di tutta la questura a partire dal Questore Antonio Borrelli. "Era una delle migliori funzionarie che avevamo, di cui tutti si fidavano" ricordano i suoi colleghi. Dopo la notizia della positività, alcuni poliziotti sono stati messi in quarantena a scopo precauzionale.

Napoli: I più letti