Caserta, sequestrato pacco di droga dal Salento con corriere espresso

Campania

I finanzieri hanno requisito il carico, contenente 4 chili di marijuana e diretto a un'iimpresa agricola inesistente in provincia di Napoli, in un deposito. I carabinieri hanno individuato il mittente e gli hanno sottratto 200 grammi della stessa sostanza stupefacente 

La guardia di finanza ha scoperto e sequestrato in un deposito nel Casertano un pacco spedito via corriere espresso da Porto Cesareo (in provincia di Lecce) a Napoli e contenente quattro chili di marijuana. Sul mercato, la droga avrebbe fruttato 40mila euro. È stato inoltre individuato il mittente: si tratta di un salentino a cui i carabinieri della tenenza di Porto Cesareo hanno requisito altri 200 grammi della stessa sostanza stupefacente.

Il ritrovamento della droga

I baschi verdi di Aversa (nel Casertano) hanno controllato un deposito di merce situato in provincia di Caserta e, tra quella che si trovava nella struttura, i cani hanno fiutato e individuato un involucro di plastica la droga, all'interno di un pacco che, dalla bolla di carico, risultava diretto a un’inesistente impresa agricola della provincia di Napoli. Non è la prima volta che i finanzieri intercettano un carico di stupefacenti inviato via posta.

Il modus operandi

Le forze dell’ordine hanno ricostruito il meccanismo collaudato. Il mittente, nel tentativo di aggirare i controlli della polizia su strada, spediva la sostanza tramite regolare vettore commerciale a un indirizzo diverso da quello del reale destinatario, di solito riconducibile a una società inesistente o a un soggetto inconsapevole. Poi, il pacco veniva recuperato al momento della consegna.  

Napoli: I più letti