Acerra, incendio in un'azienda di stoccaggio di materiale ferroso

Campania

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con un carro schiuma: i pompieri sono ancora sul posto insieme ai tecnici Arpac, ma le fiamme sono state contenute

In provincia di Napoli, ad Acerra in contrada Pagliarone, è divampato la scorsa notte un incendio di vaste dimensioni in un'azienda che sorge accanto al termovalorizzatore. Le fiamme hanno coinvolto un deposito esterno della ditta Eurometal, un impianto di stoccaggio di rifiuti ferrosi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con un carro schiuma. Al momento il rogo è sotto controllo ma dalle fiamme si sono sprigionate nubi tossiche.

Borrelli: "Chiesto immediato intervento Arpac"

"E' l'ennesimo incendio che si consuma nella Terra dei fuochi, l'ennesimo disastro ambientale - commenta il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli -. Innanzitutto, chiediamo di verificare i materiali contenuti nel deposito incendiato e se erano tutti autorizzati, per capire a cosa si va incontro e che tipo di sostanze sono state immesse nell'aria. Per questo abbiamo chiesto un immediato intervento dell'Arpac, azienda regionale per la protezione ambientale". 

Arpac fa sapere di essere "intervenuta tempestivamente per valutare gli effetti ambientali dell'incendio che stanotte ha colpito l'impianto". Sul posto sono presenti i tecnici del dipartimento provinciale di Napoli. Appena disponibili, saranno resi noti i risultati del monitoraggio della qualità dell'aria, condotto dalle centraline della rete fissa di monitoraggio presente sul territorio interessato: in particolare l'Agenzia dispone di due centraline ad Acerra, una a Pomigliano d'Arco, una a San Felice a Cancello. Successivamente Arpac avvierà attività di campionamento e monitoraggio per valutare l'eventuale ricaduta di inquinanti sui terreni vicini all'impianto colpito dall'incendio. 

Disposto il lavaggio accurato dei prodotti agricoli

Il sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, ha firmato un'ordinanza per il lavaggio accurato dei prodotti agricoli e per evitare in via precauzionale la somministrazione di mangimi e foraggi agli animali esposti alla colonna di fumo provocata dall'incendio. Il provvedimento è stato preso, ha spiegato il sindaco, su sollecitazione del Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Pubblica dell'Asl Napoli 2 nord, che ha effettuato un sopralluogo presso la ditta. Il sindaco ha ordinato, in via precauzionale e sino a nuova disposizione, il lavaggio accurato dei prodotti agricoli (frutta, verdura, ortaggi, ecc) a tutta la popolazione, e agli allevatori di evitare di somministrare mangimi e foraggi, ai propri animali, esposti alla colonna di fumo. L'Asl ha anche comunicato che saranno eseguiti ulteriori sopralluoghi al fine di verificare le condizioni di incendio e di dispersione del fumo.  

Napoli: I più letti