Grida "Allah akbar" in ospedale a Salerno: feriti due vigilanti

Campania

Il personale di vigilanza è subito intervenuto, ma alla vista degli uomini in divisa il paziente ha strappato dal muro uno specchio e ha aggredito chi gli si presentava dinanzi

Poco prima delle 7 un uomo ha cominciato a dare in escandescenze nel pronto soccorso dell'ospedale Ruggi di Salerno. L'uomo, in codice verde, nonostante il tentativo di calmarlo da parte dei sanitari, ha continuato a urlare, dirigendosi il bagno e ripetendo la frase "Allah akbar". Il personale di vigilanza è subito intervenuto, ma alla vista degli uomini in divisa il paziente ha strappato dal muro uno specchio e ha aggredito chi gli si presentava dinanzi.

Due feriti

I due vigilanti, feriti al volto e alle mani, sono riusciti a immobilizzarlo grazie anche all'intervento del responsabile della ditta che si occupa della vigilanza. All'arrivo della polizia per l'uomo è stato disposto un ricovero coatto in Psichiatria mentre i due uomini feriti sono stati affidati alle cure dei sanitari.

Il commento di Giovanni D’Angelo

"Questo ennesimo atto di violenza nei luoghi nei quali si svolge l'attività di assistenza conferma l'estrema urgenza di mettere in atto ogni misura possibile per dare sicurezza al personale e ricreare quella necessaria tranquillità in ambienti così particolari, quali quelli dediti alla risoluzione di problematiche mediche in emergenza-urgenza". Così il presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Salerno, Giovanni D’Angelo, che aggiunge: "La legge per il riconoscimento dello status giuridico di pubblico ufficiale per chi opera nell'assistenza attende da mesi la discussione e approvazione alla Camera, ultimo ostacolo". Inoltre, sono necessari "interventi di tipo divulgativo e comunicativo verso la popolazione, perché si riporti in Sanità il rapporto paziente-personale assistenziale a una corretta e produttiva forma collaborativa e a un giusto livello di tolleranza, che deve contraddistinguere una società civile, nel rispetto dei diritti di entrambi: sanitari e pazienti".

Napoli: I più letti