Casapesenna, uova contro bus studenti in gita in bene confiscato

Campania

L’autista è sceso dal pulmino per chiedere ai giovani di smetterla ed è stato aggredito finendo in ospedale ad Aversa, dove è stato dimesso con una prognosi di sette giorni 

Lancio di uova e aggressione ai danni dell’autista di un pulmino con a bordo studenti provenienti da scuole superiori della provincia di Pisa. I giovani stavano per visitare uno dei beni confiscati a Michele Zagaria a Casapesenna, in provincia di Caserta, quando il mezzo è stato preso d'assalto da un gruppo di ragazzi nei pressi del bene confiscato, che al suo interno ospita anche una banca. Alcuni testimoni hanno raccontato di giovanissimi che già prima dell'arrivo dell’autobus stavano festeggiando il carnevale lanciando uova ai passanti.

L’aggressione

L’autista, Paolo Zagaria, 37enne anni di San Cipriano d'Aversa, è sceso dal pulmino chiedendo ai ragazzi di smetterla perché stavano impaurendo gli studenti. Il conducente è stato aggredito ed è finito in ospedale ad Aversa, dove è stato dimesso con una prognosi di sette giorni. Sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, ma dei ragazzi con le uova non c'era più traccia.

Napoli: I più letti