Agropoli, Guardia Costiera sequestra due impianti industriali

Campania
Foto di archivio (ANSA)

Il sequestro è stato disposto per reati contro l’ambiente e a danno della salute pubblica. L'operazione antinquinamento è stata effettuata tra il fiume Solofrone e l'Alento  

I militari della Guardia Costiera di Agropoli, nel Salernitano, hanno sottoposto a sequestro penale due impianti industriali per reati contro l'ambiente e a danno della salute pubblica. L'operazione antinquinamento è stata effettuata tra il fiume Solofrone e l'Alento. Nel primo caso gli uomini, guidati dal tenente di vascello Giulio Cimmino, hanno scoperto uno stabilimento adibito alla produzione di conglomerati bitumosi, dove venivano stoccati sul nudo terreno varie tipologie di rifiuti pericolosi e non, tra cui rocce di scavo, plastiche, rifiuti ferrosi e calcestruzzi. Il complesso occupa un'area di circa 650 metri quadri.

Controllo in azienda zootecnica

A distanza di pochi giorni i militari hanno controllato un'azienda zootecnica, che ha un'estensione di circa 80.000 metri quadri e che ospita oltre 400 capi bufalini. In particolare, gli inquirenti hanno accertato che da due canali naturali di scolo, posti l'uno a Est e l'atro a Ovest della struttura, venivano confluiti nel fiume Solofrone i rifiuti derivanti dalla tracimazione degli effluenti zootecnici delle vasche di raccolta, nonché scarti vegetali di vario genere.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24