UniCredit: sindacati, cda indichi subito strada per evitare danni da i

Lavoro

La banca, dicono i sindacati “ha affrontato la crisi pandemica con la forza di un solido gruppo; ora auspichiamo che si focalizzi sul proprio ruolo di Gruppo a trazione italiana in ambito europeo, consolidando l’azienda nel Paese”

"Riteniamo sia necessario che il cda di Unicredit indichi al più resto la strada da intraprendere per evitare che questa fase di incertezza abbia conseguenze finanziarie ed economiche sull’intero gruppo, con particolare attenzione ai lavoratori e lavoratrici del perimetro italiano". Lo scrivono, in una nota unitaria, le segreterie di coordinamento dell'istituto di credito di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin.

 

"Unicredit - ricordano i sindacati - ha affrontato la crisi pandemica con la forza di un solido gruppo; ora auspichiamo che si focalizzi sul proprio ruolo di Gruppo a trazione italiana in ambito europeo, consolidando l’azienda nel Paese e mantenendone l’unità complessiva, perseguendo certamente la crescita dei ricavi e delle attività di business, coniugandole nel contempo con la tenuta occupazionale e il benessere lavorativo delle lavoratrici e dei lavoratori, nel rispetto del territorio, delle famiglie e delle imprese".

“Passo indietro Mustoer era nell’aria”

Come scrivono le sigle nella nota, "la notizia del passo indietro dell'ad di Unicredit JP Mustier era da giorni nell'aria, il ceo di Unicredit non ha mai mostrato reale attenzione al perimetro italiano del Gruppo. In questi anni a guida Mustier il Gruppo Unicredit, grazie allo straordinario impegno dei Lavoratori, è riuscito ad affrontare una situazione di crisi molto complicata. La banca ha sì risolto il problema dei crediti deteriorati e raggiunto indici di solidità patrimoniale di valore, viceversa è innegabile il mancato raggiungimento degli obiettivi aziendali di sinergia ed efficienza previsti dal Piano". Ma, avvertono ancora le parti sociali, "non convince il nuovo piano industriale T23 che prevede l’abbandono di molte zone del Paese con una significativa chiusura di sportelli, un progetto di crescita interna dell’azienda basato su una digitalizzazione esasperata e sempre più spesso farraginosa, ed una preoccupante e costante diminuzione dell’occupazione; Mustier ha attuato una fortissima politica di riduzione dei costi, ma con una strategia di fatto inesistente sui ricavi. Inoltre il ventilato scorporo degli assett esteri con una sub-Holding quotata a Francoforte, rischia di depauperare la centralità di Unicredit come Gruppo Paneuropeo con solide basi in Italia".

Crescita utili basata su taglio indiscriminato costi

"È emersa pertanto una prospettiva assai carente nel medio e lungo periodo; reduci da una politica di disimpegno del Gruppo sul perimetro italiano, perseguita con la vendita dei 'gioielli di famiglia' e con una scelta di cessioni che il Sindacato ha sempre criticato con oggettive motivazioni. La crescita degli utili quindi poggia ancora una volta sul taglio indiscriminato dei costi, soprattutto dei costi del personale e dell'occupazione e su una linea imprenditoriale che si è allontanata dal cuore italiano dell’azienda".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.