Sindacati, ok ad accordo per addetti penne, spazzole e pennelli

Lavoro
©Getty
contratto_GettyImages

Previsto l’aumento complessivo di 76 euro per oltre 5000 addetti in 700 imprese

“In video conferenza, tra l’Associazione nazionale produttori articoli per scrittura e affini, l’Associazione nazionale produttori spazzole, pennelli, scope e preparatori relativi a materie prime - entrambe aderenti a Confindustria - e i sindacati del settore Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, è stata raggiunta l’intesa sull'ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto del settore penne, spazzole e pennelli (interessati circa 5000 addetti in 700 imprese) che scadrà il 31 dicembre 2022". Così una nota sindacale.


L'intesa sottoscritta - che rientra nei termini dell’accordo interconfederale sulla contrattazione siglato il 9 marzo del 2018 tra sindacati e Confindustria (Patto per la Fabbrica, ndr) - sarà sottoposta alle assemblee dei lavoratori per la definitiva approvazione e prevede un aumento complessivo (Tec) di 76 euro.


Sui minimi (Tem) l’aumento salariale sarà di 68 euro (3° livello S.), distribuiti in tre tranche: 1° gennaio 2021 di 25 euro; 1° gennaio 2022 di 25 euro; 1° luglio 2022 di 18 euro. Per quanto riguarda il welfare contrattuale, invece, sarà previsto un incremento di 0,5% (stimato in circa 8 euro) del contributo aziendale per la previdenza complementare. Per le imprese che non praticano contrattazione di 2° livello, l'intesa prevederà l’aumento dell’elemento perequativo che passa da 275 a 300 euro. Tra gli elementi di novità l’attivazione, con la designazione dei rispettivi rappresentanti, dell’osservatorio nazionale di categoria che sarà convocato entro 3 mesi dalla firma.

 

Maggiore sarà il riconoscimento del ruolo delle rsu su: informazione e consultazione; informazione su appalti presenti nei cicli produttivi; programmi di formazione; organizzazione e orari di lavoro.

 

Inoltre, al fine di facilitare ed estendere la contrattazione aziendale, sono state definite delle apposite linee guida sulla base delle esperienze acquisite nel settore.

Maggiori possibilità di fruizione del part-time per il rientro dalla maternità / paternità

Per quanto riguarda il delicato tema dei diritti saranno previsti maggiori possibilità di fruizione del part-time per il rientro dalla maternità / paternità, aumenteranno i periodi di conservazione del posto di lavoro in caso di gravi patologie e di aspettativa non retribuita a seguito del periodo di comporto. Infine, per contribuire allo sviluppo della cultura della responsabilità sociale delle imprese, le parti hanno condiviso delle apposite linee guida su temi come lo sviluppo sostenibile dell’economia e il rispetto dell’ambiente. Allo stesso modo è stato definito, dalle parti, un testo di linee guida per caratterizzare e orientare le dinamiche partecipative dei lavoratori all’interno delle aziende.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24