Istat: per 4 imprese su 10 connessione web veloce o ultraveloce

Lavoro
istat_digitale_foto

Secondo l’Istituto di Statistica nel 2019 continua ad aumentare la quota di imprese con almeno 10 addetti che accedono a Internet utilizzando connessioni veloci: 41% quelle ad almeno 30 Mbps (13,5% nel 2015), 13,8% quelle ad almeno 100 Mbps (6,2%)

Quattro imprese italiane su dieci utilizzano una connessione web fissa veloce o ultraveloce. Stando ai dati del Report diffuso dall'Istat sull'Ict nelle imprese, nel 2019 continua ad aumentare la quota di imprese con almeno 10 addetti che accede a Internet utilizzando connessioni veloci: 41% quelle ad almeno 30 Mbps (13,5% nel 2015), 13,8% quelle ad almeno 100 Mbps (6,2%). Il 16,1% delle imprese manifatturiere italiane ha un livello di digitalizzazione alto o molto alto. Dal report dell'Istat, in particolare, emerge che nel 2019, il 94,5% delle imprese con almeno 10 addetti utilizza connessioni in banda larga fissa o mobile.

Sempre più dispositivi portatili con connessione web 

Aumenta la quota di imprese che forniscono dispositivi portatili (ad es. computer portatili, smartphone, tablet, ipad) che permettono una connessione mobile a Internet per scopi aziendali/lavorativi (62,4%, 60,5% nel 2018). Nel complesso, il Report dell'Istituto di Statistica rileva che il 49,9% di addetti utilizza un computer connesso a Internet per svolgere il proprio lavoro (47,6% nel 2018). L'intensità di utilizzo della connessione mobile riguarda il 25,0% degli occupati nelle imprese con almeno 10 addetti (22,8% nel 2018). Tra le imprese con 10-49 addetti, prosegue l'Istat, circa sei su dieci (59%) dichiarano di utilizzare connessioni mobili per l'attività lavorativa e di fornire, a tal fine, dispositivi portatili al 19,9% della propria forza lavoro (18,1% nel 2018). La quota sale fino al 29,5% tra i lavoratori delle imprese di maggiore dimensione, queste ultime nel 95,3% dei casi dichiarano di utilizzare connessioni mobili per l'attività lavorativa. Tra le imprese con almeno 10 addetti connesse a Internet in banda larga fissa, la velocità massima di connessione cresce con la dimensione aziendale, senza particolari  divari territoriali a livello di macro ripartizione.

Bene imprese del Sud

L'Istat aggiunge che tuttavia a livello regionale si evidenzia una buona performance delle imprese del Mezzogiorno: Calabria, Campania, Sicilia e Molise si attestano tra le prime dieci regioni per quota di imprese connesse a Internet a velocità di download pari ad almeno 30 Mbps. La quota di imprese connesse con almeno 30 Mbps è pari a circa il 43% nel Mezzogiorno e nel Nord ovest mentre si attesta al 39,7% nel Centro Italia e al 38,9% nel Nord est. L'Istat sottolinea inoltre che triplicano rispetto al 2015 le Pmi connesse a velocità almeno pari a 30 Mbps (40,4%, 13,1% nel 2015). Nello stesso periodo le grandi imprese con connessioni veloci passano al 75,9% dal 40,1%. Sulla base di nuovi indicatori risulta che a profili di digitalizzazione più evoluti delle imprese si associa, in media, un livello di produttività del lavoro più elevato.

Nell'ultimo triennio rimane invariata la quota delle imprese con almeno 10 addetti che impiega esperti Ict (16%) mentre aumenta di poco quella delle imprese con almeno 250 addetti che hanno dichiarato di avere specialisti informatici tra il personale interno (73,1%, 71,8% nel 2018). Negli ultimi anni, rileva l'Istat, continua a crescere la quota delle imprese di maggiore dimensione che assumono specialisti Ict (38,4%), nonostante le difficoltà nel coprire i posti vacanti: il 18,1% delle imprese con almeno 250 addetti dichiara di aver avuto difficoltà nel reperire personale specializzato (15,7% del 2018). Il 68,5% delle imprese dichiara di utilizzare personale esterno per la gestione di attività legate all'Ict quali manutenzione di infrastrutture, supporto e sviluppo di software e di applicazioni web,gestione della sicurezza e della protezione dei dati. Tale quota, continua l'Istat, aumenta con la dimensione dell'impresa: dal 67,0% delle imprese di minore dimensione all'84,1% di quelle con almeno 250 addetti. Il 19,4% delle imprese con almeno 10 addetti (16,9% nel 2018) e il 60,9% tra quelle più grandi ha organizzato nell'anno precedente corsi di formazione per sviluppare o aggiornare le competenze Ict. 

 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24