Sette denunce per reati sul web

Liguria
547786176e4fba698dce65ee82011653

Polizia postale in azione. Coinvolti anche minori

Sette persone denunciate dai cuberinvestigatori della polizia postale della Spezia per reati avvenuti sul web durante il lockdown, oltre a un quindicenne segnato al Tribunale per i minori di Genova. Il giovane aveva simulato il reato di cyberbullismo introducendosi all'interno dell'account Instagram di un coetaneo. Un ventiduenne è stato denunciato per revenge porn, in quanto dopo la fine di una relazione aveva diffuso tramite chat dei video che riprendeva la coppia in atteggiamenti intimi. I filmati, diffusi durante il lockdown e ritrovati in possesso del giovane dopo una perquisizione, erano stati girati per altro all'insaputa della ragazza. Il revenge porn prevede una pena da 1 a 6 anni e una multa fino a 15 mila euro. Denunciati anche un trentaduenne di Montignoso (Massa) e un trentunenne di Messina che avevano venduto sul web una borsa firmata del valore di 500 euro e una canna da pesca da 80 euro senza inviare la merce. Altri quattro, due italiani ventitreenni e due rumeni venticinquenni, residenti in provincia di Roma, sono stati denunciati per favoreggiamento personale, per aver ricevuto ed effettuato bonifici a vario titolo, non fornendo informazioni sulla provenienza del denaro risultato provento di attività illecite, truffando un uomo con la vendita online di un trattore agricolo per 15 mila euro.
    (ANSA).
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24