Madre a pezzi, 'suicidio compatibile'

Liguria
@ANSA
74246dd69cbc6c8bcb63e54925ab66b1

Emerge da autopsia. Lunedì interrogatorio di garanzia figlia

 Ci sarebbero segni compatibili con una impiccagione sul collo di Loredana Stupazzoni, la donna di 63 anni, fatta a pezzi dalla figlia Giulia Stanganini, 37 anni, dopo averla trovata morta. E' quanto emerge dall'autopsia eseguita questa mattina dal medico legale Francesco Ventura, insieme al collega Marco Salvi, nominato come consulente dalla difesa della Stanganini. La giovane è stata arrestata ieri sera per distruzione di cadavere, mentre è indagata per omicidio volontario. La donna ha però negato di avere ucciso la mamma e di averla trovata morta. Lunedì è previsto l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Riccardo Ghio. L'avvocato Chiara Mariani chiederà una perizia psichiatrica con ogni probabilità.
    La Stanganini era molto provata dalla morte del figlioletto di tre anni e mezzo, avvenuta lo scorso novembre per un arresto cardicircolatorio dovuto a una crisi respiratoria. Da quel momento il rapporto con la madre, già problematico, era diventato ancora più conflittuale.
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24