Claudio Scajola condannato a 2 anni, favorì la latitanza di Matacena

Liguria
@ANSA
39b58f100aae52dca0025621fc53b13a

Assolti i due collaboratori dell'armatore latitante a Dubai

Due anni per Claudio Scajola, con sospensione condizionale della pena, per aver favorito la latitanza a Dubai dell'ex parlamentare di Forza Italia ed armatore Amedeo Matacena dopo la condanna definitiva a tre anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Scajola, all'epoca dei fatti era ministro dell'Interno. E' la sentenza pronunciata al processo Breakfast a Reggio Calabria. Il pm aveva chiesto 4 anni e mezzo. E' stata esclusa l'aggravante mafiosa.

Condanna a un anno per Chiara Rizzo, moglie di Matacena, con pena sospesa e restituzione dei beni che le erano stati sequestrati.

Assoluzione per Maria Grazia Fiordaliso e Martino Politi, ex collaboratori di Matacena.

"Pensavo che la mia vicenda processuale si risolvesse già in primo grado. Devo però dire che é andata bene rispetto alla richiesta". Lo ha detto Claudio Scajola commentando la condanna a due anni per procurata inosservanza della pena comminatagli dal Tribunale di Reggio Calabria in relazione al suo presunto intervento in favore dell'ex parlamentare di Forza Italia .

"Nulla ovviamente interferirà - ha aggiunto Scajola - con la mia attività di sindaco di Imperia. Sottolineo inoltre che la mia condotta da ministro dell'Interno è stata di assoluta correttezza e di schietta interlocuzione istituzionale con rappresentanti e ambasciatori di altri Stati. Ho cercato di aiutare una donna in gravi difficoltà (Chiara Rizzo, moglie di Amedeo Matacena, ndr) e non Matacena".

Claudio Scajola era stato arrestato il 7 maggio del 2014 ed era rimasto detenuto in carcere per 34 giorni, prima di essere assegnato ai domiciliari.

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24