Morì cadendo da un balcone, reato prescritto

Liguria
@ANSA
07e00a3ee5aaf5db03729e9ee6b9b77

Decisione della Corte d'appello, processo rinviato al 2020

 Estinta, per prescrizione, l'accusa di morte come conseguenza di un altro delitto al processo d'appello per il decesso di Martina Rossi, la ventenne genovese che precipitò dal balcone di una camera di albergo a Palma di Maiorca il 3 agosto 2011. E' quanto dichiarato dalla presidente della sezione della corte d'appello di Firenze, Angela Annese, all'apertura del processo a Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, i due aretini condannati in primo grado per la morte della ventenne: secondo l'accusa Martina precipitò dal balcone mentre cercava di fuggire a un loro tentativo di violenza sessuale. I due, il 14 dicembre scorso, sono stati condannati a 6 anni di reclusione per l'accusa oggi dichiarata prescritta e per la tentata violenza. In caso di una condanna anche in appello la pena si dovrebbe quantomeno dimezzare. La stessa presidente della corte d'appello ha poi rinviato il processo al 20 settembre 2020 con possibile prosecuzione per il 5 ottobre.
    Per la difesa degli imputati, Martina si sarebbe uccisa.
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24