Domiciliari all'ex presidente dei tribunali di Imperia e Sanremo

Liguria
@ANSA
daddca1d08188ce86539cf315ae99ff3

Boccalatte lascia il carcere per motivi umanitari

 Il tribunale di Sorveglianza di Genova ha concesso gli arresti domiciliari per motivi umanitari, all'ex presidente dei tribunali di Imperia e Sanremo, Gianfranco Boccalatte, condannato in via definitiva a 6 anni e 2 mesi di reclusione per un cumulo di pene che riguardano prevalentemente vicende di corruzione e peculato. Giovedì scorso c'è stata la seconda udienza e ieri sera è arrivata la decisione. Boccalatte, 77 anni, detenuto nel carcere di Valle Armea, a Sanremo, è malato: "Da giugno ad oggi, ha perso 12 kg - spiega l'avvocato Roberto Ottolini, che difende l'ex giudice assieme al legale Enzo Lepre del foro di Milano -. Lo stesso perito del tribunale ha dichiarato che il protrarsi della carcerazione sarebbe stato contrario ai principi di umanità". Boccalatte, prosciolto dalle accuse di tentato abuso d'ufficio e millantato credito, perché prescritti, era accusato di aver favorito amici attribuendo loro incarichi e consulenze soprattutto per la custodia di beni e la tutela di incapaci.
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24