Ponte: possibili lesioni a case dopo l'esplosione chiesti danni

Liguria
genova

Tre richieste ai demolitori e una decina al Commissario

 Tre nuclei familiari che hanno la casa nel raggio di 250 metri dal punto dell'implosione controllata che ha distrutto l'ala est dell'ex ponte Morandi hanno inviato all'ati dei demolitori una richiesta di risarcimento per presunti danni patiti durante l'esplosione. Lo conferma la stessa ati che ha ricevuto le richieste. Secondo quanto successivamente appreso altre richieste di risarcimento sono arrivate alla struttura commissariale, in tutto una decina.
    I presunti danni patiti riguardano alcune crepe e finestre danneggiate dalle vibrazioni derivate dall'implosione controllata del 24 giugno. Le istanze andranno ora singolarmente verificate dai periti. Gli edifici considerati 'a rischio', vale a dire quelli che si trovavano nel raggio dei 250 metri dall'area dell'implosione, erano stati sottoposti a verifiche preventive da parte dell'ati dei demolitori a cui spetta, come rileva la struttura commissariale "l'obbligo di garantire la perfetta esecuzione dei lavori condotti anche dalle imprese subappaltatrici".
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24