Camalli, con crollo perse 20 mila giornate lavoro

Liguria
@ANSA
ef584e9601d81b4ec484ea6de5ef2989

Una ricaduta sul bilancio Compagnia Unica di circa 5 milioni

(ANSA) - GENOVA, 17 OTT - Oltre 20 mila giornate perse con una ricaduta sul bilancio attorno ai 5 milioni di euro. È questa la stima fatta dal console di Compagnia Unica, che riunisce i camalli del porto di Genova, sull'incidenza del crollo del ponte nel lavoro in banchina. "In questi primi due mesi - ha detto il console Antonio Benvenuti - abbiamo avuto un calo di giornate lavorate attorno al 10%. Facendo una proiezione su dodici mesi possiamo calcolare circa 23 mila giornate in meno. Noi avevamo fatto un piano di crescita del 4% ma, tra problemi con la ferrovia, minori chiamate e navi che trasportano meno merci come fatturato ci saranno 5 milioni in meno". Nei giorni scorsi il Console, così come i rappresentanti delle categorie economiche genovesi, ha partecipato all'audizione in commissione trasporti portando precise richieste. "Noi chiediamo un indennizzo su queste perdite perché se il lavoratore ha il mancato avviamento, che permette la copertura salariale - spiega - l'azienda mantiene le spese".
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.