Decapitò zio, Appello conferma 30 anni

Liguria
@ANSA
38281afb59e87d18cbe27b0b36687dd8

Il delitto due anni fa per il passaggio su un terreno

 La corte d'Assise d'appello di Genova ha confermato la condanna a 30 anni per Claudio Borgarelli, l'infermiere che due anni fa uccise e decapitò lo zio Albano Crocco nel boschi di Lumarzo. I giudici hanno escluso la premeditazione e confermato la sussistenza dei futili motivi.
    Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del nucleo investigativo, Borgarelli uccise lo zio perché non voleva che passasse sul suo terreno.
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.