Festival Puccini, Sandrelli debutta alla regia in Tosca

Toscana
5483e3e4dd93d76f3f91932e25ff76c8

Tema del bacio filo conduttore manifestazione. Grandi nomi

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Il tema del bacio che racconta l'Amore sarà il filo conduttore del Festival Puccini 2021 (23 luglio-22 agosto), firmato da Giorgio Battistelli, con tre opere pucciniane (Tosca, Turandot, La Bohème) in programma, insieme a nuove composizioni ispirate proprio al bacio. La Tosca (23 luglio/6-13 agosto) segnerà anche l'esordio alla regia di Stefania Sandrelli. "Amo tutto Puccini - afferma l'attrice - sono cresciuta ascoltando le sue arie. Nonno Pietro era un melomane. Me le cantava tenendomi in braccio stretta a lui. E lucevan le stelle... mi fa venire i brividi ogni volta". "Il nonno - prosegue l'attrice - conosceva Puccini, lo frequentava al Gran Caffè Margherita di Viareggio. Ed io ho trasmesso a mia figlia Amanda questo amore per Puccini e anche a mio nipote Rocco". E Tosca? "Tosca - sottolinea Stefania Sandrelli - esprime la passione, l'amore. E' un'opera che sento molto e finalmente posso coronare il sogno di dirigere Tosca a Viareggio davanti al lago di Puccini". Daniele Abbado invece firmerà la regia della Turandot (24-30 luglio/14-20 agosto), che per la prima volta andrà in scena con il finale che Luciano Berio compose nel 2001, lavorando su 23 dei 30 appunti lasciati dall'autore. "Puccini - osserva Abbado - non riuscì a completare Turandot. Anche con l'importante apporto di Luciano Berio, questo racconto scenico sembra non chiudersi su una fine, quanto piuttosto donare a Turandot il senso di un tentativo, un esperimento. Turandot come Opera Aperta, consegnata al destino di generare e ospitare finali di significato diverso". Infine, a Marco Scola sarà affidata la regia della Boheme (31 luglio/7-21 agosto) con la ripresa dell'allestimento che il nonno Ettore firmò per il Festival di Torre del Lago nel 2014, suo ultimo lavoro per il teatro lirico. Altri eventi avranno protagonisti Toni Servillo e Giuseppe Montesano, Stefano Massini (con un omaggio a Enrico Caruso nel centenario della scomparsa, il 2 agosto), Franco Marcoaldi e giovani compositori. Il podio dell'Orchestra del Festival Puccini è affidato ad Alberto Veronesi, John Axelrod, Enrico Calesso, a cui è affidata la direzione di Tosca, Turandot e La Bohème, mentre a Roberto Abbado, Gianna Fratta e Marco Angius spetta la direzione d'orchestra degli altri eventi. "Attraverso la musica e l'attività di un'istituzione d'eccellenza come il festival pucciniano - ha affermato Eugenio Giani, presidente della Toscana, alla presentazione oggi a Firenze del festival - si può dare il senso di una proiezione di rilancio e di speranza a livello mondiale dopo la pandemia".

Firenze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24