A Firenze Bargello riapre con 'veste' inedita

Toscana
b4e2c99818afd71b5fe23651045d6e70

Dal 4 agosto torna visitabile la mattina

(ANSA) - FIRENZE, 01 AGO - Riapre, dal 4 agosto, a Firenze anche il Bargello, 'pantheon' della scultura rinascimentale fiorentina: custodisce capolavori di Michelangelo, Donatello, Verrocchio, dei Della Robbia, Cellini e Giambologna. Torna visitabile tutti i giorni, dalle 8.45 alle 13.30, osservando il turno di chiusura settimanale il martedì (a eccezione della prima giornata di riapertura) e nella terza e quinta domenica di agosto (il 16 e il 30). Per garantire la visita in sicurezza dovranno essere rispettate alcune semplici regole come il contingentamento degli ingressi (controllo della temperatura e massimo 150 visitatori per ora), le prescrizioni sanitarie rivolte ai visitatori (uso obbligatorio di mascherine).
    La chiusura prolungata del Bargello al termine della prima fase del lockdown è stata determinata dalle nuove procedure di visita in sicurezza che hanno reso necessari alcuni interventi ai bagni. I visitatori, si spiega, troveranno comunque un Bargello diverso ad attenderli: la visuale del cortile interno del palazzo sorprenderà molti visitatori a causa di un ampio ponteggio velato che cela parte delle pareti dell'edificio per un importante e delicato lavoro di restauro e manutenzione avviato nelle scorse settimane.
    "Il Bargello - spiega la sua direttrice Paola D'Agostino - non è solo uno dei musei più belli di Firenze: è parte imprescindibile della sua storia e vuole consolidare la sua centralità anche nella vita cittadina contemporanea. È importante rafforzare, specie in questo delicato momento storico, il rapporto del museo con la filiera culturale, produttiva e commerciale di Firenze. Per questo stiamo organizzando una serie di incontri con quanti operatori nel settore della ricerca storico-artistica, nel turismo ma anche con gli esercenti commerciali che operano intorno al museo".
    Intanto D'Agostino accoglierà al Bargello, martedì 4 agosto alle 10.30, i visitatori per rispondere alle domande sui progetti in corso e raccontare, percorrendo insieme le sale del museo, le bellezze del museo. (ANSA).
   

Firenze: I più letti