Nuovo Dpcm, ipotesi “zona bianca” dal 15 gennaio: di cosa si tratta e come funzionerebbe

Cronaca

Dopo la scadenza dell’attuale decreto, potrebbe essere inserita una modifica ai colori nella divisione delle regioni italiane. La proposta è arrivata dal ministro della Cultura Franceschini che vorrebbe introdurre la zona bianca (o verde) nelle zone con gli indicatori migliori. In questi territori sarebbe sospeso il coprifuoco, ok a riapertura per luoghi della cultura come cinema. musei e teatri. Tornerebbero a lavorare senza limiti bar, ristoranti, locali, palestre e piscine

Al termine del decreto Natale, dopo pochi giorni, il 15 gennaio, scade anche l’ultimo Dpcm e il governo sta lavorando alle nuove misure, quelle ponte dall’Epifania a metà mese e quelle successive a quella data. Una delle ipotesi in campo, con il ritorno ai classici tre colori per fasce di rischio (rosso, arancione, giallo) è l’introduzione di un quarto colore: la zona bianca (o verde) per i territori con gli indicatori migliori. Se la proposta dovesse concretizzarsi, queste novità verrebbero formalizzate in un nuovo Dpcm o in un decreto legge a ridosso del 15 gennaio (COVID: GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE).

La proposta di Franceschini

L’idea della zona bianca dal 15 gennaio arriva dal ministro della Cultura Dario Franceschini e avrebbe l’appoggio del collega della Giustizia Alfonso Bonafede, capi-delegazione del Pd e del M5s. Tra le misure principali per questa classificazione di colore ci sarebbero lo stop del coprifuoco, la riapertura di ristoranti, bar, pub, cinema, palestre, piscine, musei e teatri nelle regioni meno a rischio.

Chi sarebbe in zona bianca

vedi anche

Covid, regioni a colori diversi dopo Epifania. Si studia zona bianca

Nella zona bianca rientrerebbero le regioni o le aree con gli indicatori più positivi, quindi Rt più basso e maggiore capacità delle terapie intensive. Qui potrebbero riaprire i luoghi della cultura, i centri sportivi al chiuso, non ci sarebbe più il coprifuoco dalle 22 alle 5. Inoltre ristoranti e bar potrebbero riaprire senza limiti di orario, ma sempre con l’obbligo di rispettare e far rispettare ai clienti le regole anti-contagio (uso obbligatorio della mascherina, distanziamento interpersonale e divieto di assembramento).

Come cambierebbe l’Rt

A questo punto si discute anche di come potrebbero cambiare i parametri dell’indice Rt per far scattare la zona bianca. Secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica, per accedere alla zona bianca (o verde) una regione non dovrà avere più di 50 casi covid ogni 100mila abitanti. Il governo ha già intenzione di modificare la soglia dell’Rt anche per l'accesso in zona arancione o rossa portandolo rispettivamente a maggiore di 1 e maggiore di 1,25. Al momento tutto questo piano non è stato ancora sottoposto al vaglio del Comitato Tecnico Scientifico, che avrà in ogni caso l’ultima parola.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.