Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

La casa editrice di CasaPound AltaForte è fuori dal Salone del Libro

3' di lettura

La decisione degli organizzatori è arrivata su richiesta di Città di Torino e Regione Piemonte dopo giorni di polemiche. Dura la replica: "Faremo causa". Intanto l'editore Francesco Polacchi è finito sotto inchiesta per apologia del fascismo 

Una "scelta di campo": Città di Torino e Regione Piemonte definiscono così la decisione di tenere fuori dal Salone del Libro AltaForte, la casa editrice vicina a Casapound, per "tutelare la sua immagine, la sua impronta democratica e il sereno svolgimento della manifestazione". Dopo giorni di polemiche, divisioni e defezioni, sale dunque la tensione alla vigilia dell'inaugurazione dell’evento. "È una richiesta assurda. Faremo causa e la vinceremo", afferma Francesco Polacchi, esponente del partito di estrema destra e editore di Altaforte che, intanto, la Procura di Torino ha iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di apologia del fascismo.

La posizione di Halina Birenbaum

Quando il Lingotto aprirà i battenti per l'inaugurazione della 32esima edizione della kermesse, Altaforte non ci sarà. Gli organizzatori annunciano, infatti, per bocca di Silvio Viale l'intenzione di "adeguarsi" alla decisione della Città e della Regione, che del Salone del Libro sono soci. Chi ci sarà è invece Halina Birenbaum, 90 anni, sopravvissuta ad Auschwitz. "Le lasceremo la parola", annunciano la sindaca Chiara Appendino e il governatore Sergio Chiamparino, al termine di una lunga giornata di trattative. È stata proprio la poetessa polacca, 90 anni, oggi residente in Israele, a spingere le istituzioni all'esclusione. "Era inimmaginabile avere una testimone della storia come lei fuori dal Salone e Alforte dentro...", dice la prima cittadina di fronte alla possibilità che la scrittrice tenesse la sua lezione agli studenti davanti ai cancelli del Salone. "Abbiamo lavorato tutto il pomeriggio - spiega Chiamparino - per trovare una mediazione, ma non è stato possibile, e io aggiungo comprensibilmente, per cui abbiamo preso l'unica decisione in linea con la tradizione e i valori di Torino e del Piemonte".

"Torino, città profondamente antifascista"

In linea con la presa di posizione delle istituzioni è Nicola Lagioia, che del Salone del Libro è il direttore editoriale. "Halina Birenbaum farà una lectio inaugurale proprio per segnare da che parte stiamo - sottolinea -. La sua assenza sarebbe stata uno sfregio per l'evento e per Torino, città profondamente antifascista. Per come si erano messe le cose si rischiava che questo Salone fosse involontariamente uno sfregio alla storia della città, per di più proprio nel centenario della nascita di Primo Levi...".  "C'è un dato di fatto - sottolinea ancora Chiamparino -: a fronte dell'indubbia recrudescenza di episodi che ricordano l'apologia di fascismo e possono essere individuati come tentativi di ricostituzione in forme diverse e nuove che ricordano il partito fascista, mi auguro che questa nostra assunzione di responsabilità aiuti anche ad affrontare questo tema...".

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"