Niente piercing e unghie lunghe in liceo Nuoro, è rivolta

Sardegna
4727e9eca5f43bf00b1ae21b2bac26c1

Stop anche a smartphone, studenti in sciopero contro restrizioni

DI MARIA GIOVANNA FOSSATI

Niente ricreazione 'lunga', ma anche divieto di piercing e unghie lunghe, obbligo di consegna dei telefoni cellulari prima delle lezioni e un solo spostamento per classe verso i distributori di bibite e alimenti. Regole stringenti al liceo delle Scienze Umane e Musicale "Sebastiano Satta" di Nuoro e 400 ragazze e ragazzi dell'istituto hanno deciso di scendere in sciopero. Domani sarà il quarto giorno consecutivo di astensione dalle lezioni: delusi dall'incontro di questa mattina con la dirigente Carla Rita Marchetti, gli studenti hanno confermato la protesta contro la 'stretta' imposta dai regolamenti.

"La preside non ci ha concesso niente, a parte un'apertura alla nostra richiesta di rinunciare ai 10 minuti di pausa ogni ora per poter fare la ricreazione in cortile allungandola a 20 minuti - spiegano i rappresentanti della delegazione ricevuta dalla dirigente - Per questo lo sciopero continua". Domani tenteranno un nuovo round, ma i vertici del liceo sembrano inamovibili.

"Con i ragazzi stiamo trattando sulla possibilità di uscire in cortile per 20 minuti all'ora di ricreazione osservando il distanziamento, ma sulle regole sanitarie in istituto e su quelle date dai professori non si discute", chiarisce all'ANSA la preside Marchetti. Nessuna apertura, dunque, sulle altre contestazioni mosse dagli studenti. Così solo uno per classe potrà andare a rifornirsi al distributore automatico, prendendo le ordinazioni degli altri, e "con il bidello che disinfetta".

Quanto al deposito dei cellulari, la dirigente spiega che "si tratta di un inasprimento delle regole deciso dal collegio dei docenti e operativo da sabato scorso. Diversi ragazzi infatti sono stati trovati durante l'utilizzo dei libri digitali su tablet a fare l'hot spot collegandosi a internet: il telefono quindi possono tenerlo ma spento". La preside si dice invece 'incolpevole' sul divieto di piercing e unghie lunghe. "Io non c'entro niente, sono i dettami - precisa - del regolamento stabilito dal dipartimento di Scienze Motorie sulla sicurezza in palestra e contro gli infortuni, accaduti anche nella nostra scuola". La dirigente annuncia per domani la convocazione dei rappresentanti dei genitori: "E' da lunedì che ricevo gli studenti e possono incontrarmi tutte le volte che vogliono, domani intanto parlerò anche con i genitori. Ribadisco: tutto si può fare col dialogo, ma sempre nel rispetto delle regole".

Cagliari: I più letti