Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Autunno in Barbagia,rito del pane a Lula

1' di lettura

Case e musei aperti a visitatori anche a Gavoi e Meana Sardo

di Maria Giovanna Fossati

Il profumo antico del pane carasau, di sas cotzulas, delle paneddas chin gherda e dell'ispianata luvulesa appena sfornati, si diffonde nelle case e nei cortili di Lula dove "sas cocchidores" (le donne che cucinano) preparano il cibo primario, quello che da sempre viene considerato il re della tavola e della vita comunitaria in Barbagia: il pane, appunto. Qui il lavoro della panificazione è un rito antico che coinvolge la padrona di casa, le figlie, tutte le donne di famiglia e spesso anche quelle del vicinato. Un lavoro che inizia all'alba con la preparazione di "sa matriche" (il lievito madre) che prosegue con l'impasto e la stesura della pasta fino alla cottura in forno. Ma ancor prima della panificazione c'è il lavoro di semina e la lavorazione del grano per ottenere la farina. Questa tradizione antica è andata in scena a Lula in occasione di Autunno in Barbagia, la manifestazione itinerante conosciuta come Cortes Apertas promossa dalla Camera di Commercio di Nuoro e dall'Aspen, l'evento-vetrina dei prodotti identitari della tradizione barbaricina nei 32 paesi del circuito.

Un appuntamento, che sabato 5 e domenica 6 ottobre, oltre a Lula ha fato tappa a Gavoi e a Meana Sardo, registrando ovunque il tutto esaurito. I visitatori hanno potuto ammirare, nella corte di piazza Sos ballos a Lula, gli antichi strumenti del grano: sa mola (la macina) e gli strumenti per la pulitura "su chilivru (il settaccio). Nella corte di Mannedda Chessa le donne hanno preparato i vari tipi di pane: "Non esisteva famiglia nella quale non ci si alzasse all'alba per il rito del pane - osserva Cinzia Moreddu, che da sempre lavora in questo settore - Come in tutti i paesi a forte tradizione agropastorale, a ogni pasto il pane carasau spicca sulle nostre tavole. Gli altri pani sono per le occasioni più diverse: s'ispianata è il pane dolce di Lula che viene offerto ai pellegrini di San Francesco, sas cotzulas il pane morbido che si prepara alla fine de 'sa cotta' (la cottura) e che si mangia in giornata e si regala ai parenti e ai vicini di casa. Il pane da noi - aggiunge - oltre a essere l'elemento principe dell'alimentazione è anche un momento di condivisione della fatica e si condividono spesso anche i momenti in cui questo cibo si consuma".

Da Lula a Gavoi un borgo montano nel cuore della Barbagia di Ollolai dove gli ospiti hanno potuto visitare le incantevoli vie del centro storico e ammirato le case in granito arricchite dai balconi fioriti. Gli oggetti della tradizione sono stati esposti a casa Porcu, che raccoglie una notevole collezione etnografica: il costume gavoese, i giocattoli d'un tempo, gli strumenti degli antichi mestieri e la raccolta di strumenti musicali, tra questi spicca su tumbarinu, il tamburo tipico di Gavoi. A Meana Sardo nel Mandrolisai, la manifestazione di Domos Antigas è stato un mix di ospitalità e tradizione per ammirare gli strumenti degli antichi mestieri e gli utensili e i vestiti di un tempo: il tutto accompagnato da buon cibo e vino. Tantissime le degustazioni di "Su pani e saba", dolce tipico del periodo pasquale e di Su Succu, piatto tipico meanese di fettuccine sottilissime di pasta essiccata che si fa cuocere nel brodo di pecora con l'aggiunta di casu axedu, un tipico formaggio fresco.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"