Appalti truccati: perquisizioni Gallura

Sardegna
b7299e422c329c511d003d4a17e00acb

Nel mirino società di infrastrutture e trasporti

Il filone sardo della vasta inchiesta messa in piedi dalla Procura di Gorizia per verificare la regolarità di decine di appalti pubblici porta a Sassari e al suo hinterland e non in Gallura come appreso precedentemente. Nell'ambito dei controlli che riguardano complessivamente 120 società e 220 persone in 14 regioni italiane, la Guardia di Finanza friulana - supportata dal comando provinciale di Sassari - avrebbe effettuato più di una perquisizione nel Sassarese.

Gli investigatori mantengono il massimo riserbo, ma trova conferma l'ipotesi che nel mirino delle Fiamme gialle siano finite le attività per l'aggiudicazione dell'appalto relativo a un'importante opera viaria da realizzare nel territorio del Nord Sardegna. La documentazione sequestrata e acquisita nell'isola, come nel resto dei territori interessati dall'attività investigativa, è all'esame degli inquirenti ed è coperta da segreto istruttorio.

La Procura di Gorizia ipotizza la condivisione tra le ditte appaltati di partecipare o meno a una gara o solo ad un lotto di essa, con informazioni sui contenuti delle offerte che hanno alterato la libera concorrenza. Ma per la Gdf le indagini hanno evidenziato anche la costituzione di associazioni e raggruppamenti temporanei meramente cartolari, l'utilizzo di contratti di subappalto per quote superiori al limite normativo del 30%, in cambio del riconoscimento di percentuali di guadagno e falsa indicazione documentale di dotazioni logistiche e strumentali.
   

Cagliari: I più letti