Uno bianca: cerimonia a 30 anni da duplice omicidio bolognese

Emilia Romagna
c80a85397eaa061355c7de8b9ee5b9cb

A Castel Maggiore banda uccise commerciante e testimone scomodo

Con una cerimonia ridotta e riservata causa restrizioni Covid è stato ricordato a Castel Maggiore, comune alle porte di Bologna, il trentesimo anniversario dell'omicidio di Luigi Pasqui e Paride Pedini, due delle 24 vittime della banda della Uno bianca, uccisi a pochi minuti di distanza il 27 dicembre 1990. Fiori sono stati deposti davanti al monumento dedicato alle vittime, nel parco di via della Resistenza a Trebbo di Reno, e nei luoghi dove furono assassinati. "Non dimentichiamo, non perdoniamo", ha scritto su Facebook, la sindaca Belinda Gottardi.
    Luigi Pasqui, commerciante di 50 anni, fu ucciso al termine di una rapina ad una stazione di servizio sulla Provinciale Galliera, dove si era fermato, mentre tentava di dare l'allarme; poco dopo a Trebbo di Reno cadde Paride Pedini, 33 anni, testimone scomodo del cambio di vettura da parte dei banditi. A Castel Maggiore la banda (di cui era capo un poliziotto, Roberto Savi) aveva già ucciso nel 1988 i carabinieri Umberto Erriu e Cataldo Stasi. Tra pochi giorni, il 4 gennaio, sarà ricordato invece il trentennale dell'omicidio di altri tre Cc (Mauro Mitilini, Andrea Moneta e Otello Stefanini) al Pilastro, rione alla periferia di Bologna.

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24