Aemilia: assolto ex consigliere Pdl Pagliani in appello bis

Emilia Romagna
a14ad01c289d380e66ef41a84869efbe

Condanna per Colacino, pene rideterminate per altri quattro

(ANSA) - BOLOGNA, 23 DIC - A quasi sei anni dall'arresto per concorso esterno in associazione mafiosa nell'operazione 'Aemilia' contro la 'Ndrangheta in Emilia-Romagna, l'ex consigliere del Pdl di Reggio Emilia Giuseppe Pagliani è stato assolto, per non aver commesso il fatto, nel processo di appello bis. La Corte di appello di Bologna ha invece condannato a quattro anni e otto mesi l'imputato Michele Colacino e ha rideterminato le pene per altri quattro: Francesco Frontera (otto anni e sei mesi), Francesco Lamanna (11 anni e otto mesi), Romolo Villirillo (11 anni e sei mesi), Michael Salwach (un anno, cinque mesi e dieci giorni), per quest'ultimo escludendo recidiva e continuazione. La pubblica accusa era rappresentata dal sostituto pg Lucia Musti e dal pm della Dda Beatrice Ronchi.
    Pagliani, difeso dagli avvocati Alessandro Sivelli e Roberto Borgogno, fu arrestato nel 2015 e venne assolto in primo grado dal Gup, in abbreviato. Fu poi condannato a quattro anni dalla Corte di appello. Ma la Cassazione annullò con rinvio, dicendo che dovevano essere risentiti alcuni testimoni e così si è arrivati alla nuova pronuncia di assoluzione.
    Insieme a Giovanni Paolo Bernini, ex assessore Pdl di Parma, Pagliani era uno dei due politici coinvolti nell'operazione.
    Bernini, inizialmente anche lui accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e poi di voto di scambio politico-mafioso, è stato poi definitivamente prosciolto con la dichiarazione di prescrizione del reato di corruzione elettorale 'semplice'.
    (ANSA).
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24