Ferrari: ad Camilleri si dimette, Elkann ad interim

Emilia Romagna
0375989de7c035c143391134c86e7723

La decisione 'con effetto immediato per motivi personali'

Arrivato alla guida della Ferrari nel luglio 2018, succedendo a Sergio Marchionne, Louis Carey Camilleri si dimette da amministratore delegato della Casa di Maranello. Una decisione presa "per motivi personali" e "con effetto immediato", arrivata nello stesso giorno in cui il manager maltese, 65 anni, si è dimesso anche dalla carica di presidente del Cda di Philip Morris International, gruppo in cui ha passato larga parte della sua vita professionale. Annunciando le dimissioni di Camilleri, anche da membro di Cda, Ferrari fa inoltre sapere che il presidente esecutivo John Elkann, "prendendo atto con dispiacere di tale decisione, ha annunciato che assumerà la carica di amministratore delegato ad interim, mentre il consiglio di amministrazione della Ferrari gestirà il processo già avviato di identificazione del successore del dottor Camilleri".

E' proprio Elkann a ricordare l'impegno di Camilleri, a partire dall'ultimo periodo. "Durante i tempi incerti e difficili della pandemia da Covid-19, Louis ha guidato la nostra azienda con mano ferma facendo della sicurezza e del benessere dei nostri dipendenti, delle loro famiglie e della nostra comunità la sua priorità assoluta", ha scritto in una lettera ai lavoratori del Cavallino Rampante, dove, assicura che Ferrari ha "una strategia chiara e ambiziosa e continueremo a seguirla". "Da parte mia - ha detto ancora Elkann - assumerò il ruolo di amministratore delegato ad interim con profondo senso di orgoglio e responsabilità nei confronti di tutti voi, persone della Ferrari, che non cessate mai di definire chi siamo e che ogni giorno fate la differenza".

Elkann ha ricordato anche l'"incrollabile senso di responsabilità" dimostrato da Camilleri, in qualità di membro di lunga data del Cda "assicurando continuità alla nostra organizzazione, guidando la Ferrari verso il futuro con un piano strategico ambizioso e lungimirante. Il suo impegno è stato totale, come la sua fedeltà ai principi del nostro fondatore Enzo Ferrari". "La leadership e la passione di Louis - ha detto ancora il presidente del Cavallino - hanno guidato la Ferrari verso risultati eccezionali, spesso raggiungendo o superando gli obiettivi impegnativi che lui stesso si era prefissato. Abbiamo aperto un capitolo completamente nuovo per creare, con il record di cinque nuovi modelli presentati lo scorso anno".

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24