Indossò t-shirt 'Auschwitzland', processo a marzo

Emilia Romagna
@ANSA
c9d4637ad1f0037d832d3bf9aa27d492

Militante si oppone a decreto penale,intanto Fn l'ha reintegrata

Inizierà il 20 marzo il processo a Selene Ticchi D'Urso, militante di Forza Nuova che il 28 ottobre di un anno fa indossò la maglietta con la scritta 'Auschwitzland' durante il raduno dei 'nostalgici' a Predappio (Forlì-Cesena) e per questo motivo finì indagata dalla Procura forlivese.

Il processo è la conseguenza dell'opposizione fatta da Ticchi al decreto penale di condanna a quattro mesi, commutati in una multa di 9.050 euro, emesso dal Gip. È la stessa militante, che sarà difesa dall'avvocato Daniele D'Urso, a dare notizia dell'opposizione e della data dell'udienza. Ticchi, dopo il 28 ottobre scorso, è stata sospesa per sette mesi da Fn, poi da giugno è stata reinserita nel ruolo di coordinatore del dipartimento femminile di Bologna e responsabile bolognese per l'associazione Evita Peron. Nelle scorse settimane Facebook ha chiuso il suo profilo personale e quello dell'associazione, di cui era amministratrice.

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24