Barista uccisa, indagato tace davanti Gip

Emilia Romagna
@ANSA
0e4c48ab1807c4dc74dce4d106220d32

All'interrogatorio di garanzia. Altri detenuti non lo vogliono

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Hicham Boukssid, il 34enne di origine marocchina, irregolare, presunto killer della 24enne cinese Hui Zhou, ammazzata a coltellate l'8 agosto nel bar di famiglia dove lavorava nella prima periferia di Reggio Emilia. Il magrebino - che si è costituito ai Carabinieri dopo dieci giorni di latitanza - ha fatto scena muta davanti al Gip, Giovanni Ghini. L'interrogatorio di garanzia si è svolto nel carcere reggiano. "Il caso, essendo mediatico, ha fatto scalpore anche in cella. C'è un forte stato d'agitazione degli altri detenuti che non lo vogliono. Il mio assistito ha subito da loro minacce ed è sorvegliato a vista, in isolamento", ha spiegato l'avvocato difensore, Pina Di Credico. Alla luce di questa situazione il nordafricano è stato trasferito al carcere di Ferrara.

   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24