Strage di Corinaldo, un altro indagato nega accuse

Emilia Romagna
@ANSA
0cae758b2fba2f74a698ee94dd59bc2a

Il resto della 'banda' e il presunto ricettatore non rispondono

Spezza il fronte del silenzio un altro dei giovani arrestati per la strage di Corinaldo (Ancona) tra il 7 e 8 dicembre scorso, costata la vita a sei persone. È Moez Akari che, come fatto ieri dal compagno di 'batteria' Andrea Cavallari, si è avvalso della facoltà di non rispondere per tutti i capi di imputazione tranne per quelli legati alla tragedia della Lanterna Azzurra, dai quali prende le distanze.

"Ha ribadito l'assoluta estraneità alla vicenda di Corinaldo - spiega il suo avvocato Gianluca Scalera - Era lì, ma non c'entra niente con il discorso dello spray. Non ha avuto alcun tipo di contatto con gli altri". "I miei assistiti non danno la colpa a nessuno", dice Scalera che difende anche Andrea Cavallari e Souhaib Haddada. Il resto della 'banda' - Ugo di Puorto, Raffaele Mormone, Badr Amouiyah e Souhaib Haddada - si è avvalso della facoltà di non rispondere. Stessa linea per il titolare del compro oro Andrea Balugani, il 'nonno' 65enne indagato poiché ritenuto essere presunto ricettatore della banda.

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24