Furti al Cocoricò, 'memorabilia' sul web

Emilia Romagna
@ANSA
098567e36005db1cb77e87be10b1ba24

Locale chiuso da mesi, società di gestione fallita a giugno

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 30 LUG - Il Cocoricò depredato e gli oggetti rubati venduti sulla rete come 'memorabilia': è il destino della discoteca riccionese simbolo delle notti trasgressive degli anni '90 e chiusa da tempo, da prima che la società di gestione fosse dichiarata fallita il 4 giugno dal Tribunale di Rimini, che ha accolto una richiesta dell'Agenzia delle Entrate per una cifra di oltre 800mila euro.
    In pista, riportano i media locali, c'è spazio solo per vandali e ladri: arredi e impianti danneggiati, vetrate del locale in frantumi. Non solo bravate, ma anche furti 'mirati': pezzi del locale, oggetti, fotografie e altro, che vengono poi rivenduti sul web come 'cimeli' al miglior offerente.
    "Anche a noi risulta che qualcuno abbia cominciato a mettere in vendita oggetti ai fan del Cocoricò - conferma al Resto del Carlino l'albergatore Lorenzo Spadini, proprietario dell'immobile - Al momento però il locale non è nella nostra disponibilità, ma in quella del curatore nominato dal Tribunale dopo il fallimento".
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24