Trovati i resti umani più antichi del Nord Italia

Emilia Romagna
@ANSA
0407ecaef00e6124767d7217055139f6

Di 300mila anni fa, scoperta dell'Università di Ferrara nel Vercellese

L'incisivo inferiore di un giovane adulto e un osso occipitale intero (la parte posteriore del cranio) risalenti a circa 300mila anni fa: sono i resti umani più antichi del Nord Italia e sono stati rinvenuti nel Vercellese, nella Grotta di Ciota Ciara a Borgosesia. La scoperta è avvenuta durante una campagna di scavi condotta da docenti, ricercatori e studenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Ferrara grazie alla concessione del Mibac.

"I reperti che abbiamo rinvenuto, soprattutto l'osso occipitale, sono davvero fondamentali per definire la storia evolutiva dell'uomo in Europa", sottolinea Marta Arzarello, docente di Scienze preistoriche e antropologiche a Ferrara: "Proprio su di esso sono presenti delle strutture che definiscono la specie Neandertaliana: il famoso 'chignon' (rigonfiamento) occipitale e la sottostante fossa soprainiaca".

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24