Minacce a pizzerie Reggio E., 3 fermati

Emilia Romagna
@ANSA
377843bcf95859ffc4152a9575f28c61

Figli condannato processo Aemilia che prese ostaggi alle Poste

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 10 FEB - Tre uomini sono finiti in carcere dopo gli inquietanti episodi di minaccia e gli spari rivolti contro le vetrate di alcune pizzerie di Reggio Emilia.
    Il fermo, richiesto dal Pm reggiano, Isabella Chiesi, riguarda i tre figli di Francesco Amato, sequestratore delle Poste di Pieve Modolena a novembre e condannato nel processo Aemilia con l'accusa di essere uno degli organizzatori dell'associazione 'ndranghetistica emiliana. Lo riportano i quotidiani locali.
    Ora i tre giovani originari di Rosarno, in Calabria, si trovano nel penitenziario di Reggio Emilia in attesa della convalida del fermo. Le accuse ruoterebbero attorno ai diversi episodi di tentata estorsione che si sono verificati nei giorni scorsi: quattro le pizzerie prese di mira; le vetrine di due di questi locali erano state colpite con colpi di pistola sulle vetrate, in piena notte. Ad altri due locali erano stati recapitati bigliettini contenenti richieste di denaro: 'dammi mille euro, se sei d'accordo appendi un fiocco', il contenuto.
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.