Segre: 'Piango per chi ha messo la maglietta-choc'

Emilia Romagna
@ANSA
8441a59e45bb8943f4a716aa3a95e72b

La senatrice a vita a Bologna, 'L'odio inizia piano piano'

"Vuole che io mi metta a piangere? Non piango mai. Però, davanti a una cosa del genere, piango per la persona che l'ha messa". Così la senatrice a vita Liliana Segre, a Bologna per un incontro con gli studenti sul tema 'Storia e memoria della Shoah' promossa dalla Fondazione Corriere della Sera, ha parlato di Selene Ticchi, militante (ora sospesa) di Forza Nuova che, a Predappio, ha indossato la maglietta con la scritta 'Auschwitzland'. Ai cronisti che prima dell'evento le hanno chiesto un'opinione sul rischio che quest'epoca diventi un'epoca di odio, Segre ha risposto: "Il grande odio, quello con tutte le lettere maiuscole, non ancora. Però l'odio comincia serpeggiando, non è che sia dichiarato subito l'odio. Comincia piano piano serpeggiando, poi può finire ad Auschwitz".
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.