Scritte contro Marco Biagi, "fu apologia terrorismo"

Emilia Romagna
@ANSA
5101df7388f50cd842ad094073875e19

Chiusa l'indagine dei pm per l'episodio di marzo a Modena

Deturpando il muro esterno del dipartimento di Economia dell'università di Modena e Reggio Emilia, con scritte contro Marco Biagi e in favore del brigatista Mario Galesi, facevano apologia dei delitti di attentato per finalità terroristiche e di porto abusivo di armi. Sono i reati per cui la Procura di Bologna, pm Antonello Gustapane e Antonella Scandellari, ha chiuso le indagini nei confronti di un 28enne di Modena e di un 27enne di Parma, che la notte del 19 marzo imbrattarono, a Modena, i muri dell'edificio in occasione dell'anniversario della morte del giuslavorista.

"1000 Biagi"; "Marco Biagi non pedala più"; "Onore a Mario Galesi"; "Onore ai compagni combattenti", furono le frasi tracciate con vernice spray. Per i pm si configura quindi l'apologia di terrorismo e porto abusivo d'armi commessi il 19 marzo 2002 dal gruppo Br-Pcc, che uccise Marco Biagi. Persone offese risultano il ministero della Giustizia, il rettore pro-tempore dell'Università di Modena e Reggio e gli eredi del professor Biagi.

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.