Petruzzelli: a Bari dopo 50 anni il 'Werther' di Massenet

Puglia
08a589f45be9d664d235f7d9ac918326

Regista, contraddizione di musica francese su testo tedesco

ascolta articolo

(ANSA) - BARI, 19 APR - Mancava dalle scene baresi da circa 50 anni 'Werther' di Jules Massenet, l'opera che viene presentata stasera al Teatro Petruzzelli, nell'ambito della stagione lirica 2022. L'allestimento scenico è di OperaLombardia, la regia di Stefano Vizioli e la direzione orchestrale di Giampaolo Bisanti. Il dramma lirico in quattro atti, su libretto di Édouard Blau, Paul Milliet, Georges Hartmann, tratto da "I dolori del giovane Werther" di Johann Wolfgang von Goethe del 1774, fu rappresentato per la prima volta all'Hofoperntheater di Vienna, il 16 febbraio del 1892.
    A quella lontana edizione di 50 anni fa, con Alfredo Kraus nel ruolo di Werthwe, ha pensato il regista Sefano Vizioli ricordando i suoi primi approcci all'opera. Racconta che quando ha accettato questo incarico si è posto il problema di adeguare il linguaggio scenico a una realtà che era stata profondamente modificata dal Covid. Si è posto domande apparentemente semplici sul come "riusciremo a farlo", "se ritorneremo davvero a lavorare dal vivo", "e la scena del bacio? E i bimbi che giocano?". "Werther - continua Vizioli - è un'opera da me frequentata in verde età nel ruolo di assistente in uno straordinario spettacolo parigino con Alfredo Kraus e Lucia Valentini Terrani, diretto da Georges Prêtre. Ma essendo anche un appassionato di Goethe, vivo la classica contraddizione di chi affronta una musica francese spalmata su di un testo romantico tedesco: l'antieroe outsider, contradditorio, il suo rapporto con la natura, la pittura, le donne, l'amicizia, con la solitudine e la morte". Le scene sono di Emanuele Sinisi, i costumi di Anna Maria Heinreich. Maestro del Coro di Voci Bianche Vox Juvenes Emanuela Aymone. Tra gli interpreti che si avvicenderanno Ketevan Kemoklidze , Caterina Dellaere, Sara Rossini, Veronica Granatiero, Francesco Demuro , Valerio Borgioni.
    "Con Sinisi - prosegue il regista - abbiamo immaginato sul fondo della scena un grande foglio bianco accartocciato in alto da una mano nervosa, un foglio che talvolta accoglie parole che si compongono e scompongono, macchiate da un inchiostro che cola, diventando lagrima o sangue. Un tentativo scenografico di rapportarsi allo stile epistolare della fonte letteraria originale tedesca, con pochi attrezzi e la forza suggestiva del gesto, un gesto 'da periodo Covid', sperabilmente coerente con la verità dei sentimenti che provano i personaggi".
    'Werther' è in programma nel politeama di Bari stasera, mercoledì 20 e giovedì 21 aprile alle 20.30, sabato 23 aprile e domenica 24 aprile alle ora 18. (ANSA).
   

Bari: I più letti