Mafia: arresti nel Leccese; capo clan comandava dal carcere

Puglia
6640789c694c70127ad8a04d34eb2649

Affiliati spacciavano ed estorcevano denaro con armi da guerra

ascolta articolo

(ANSA) - LECCE, 08 APR - Continuava a gestire il clan dal carcere in cui è detenuto dal 2019 Pasquale Briganti, detto 'Maurizio', attraverso familiari e sodali, riuscendo ad affiliare nuove persone attraverso i rituali delle organizzazioni criminali di stampo mafioso e innalzando il rango interno quelli già appartenenti alla Sacra corona unita. E' quanto accertato dalle indagini dell'operazione antimafia 'Game Over' che ha portato oggi all'esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare eseguite dagli agenti della questura di Lecce.
    Sono stati documentati episodi di estorsione, anche per sostenere gli affiliati in carcere, e spedizioni punitive nei confronti di chi non osservava le regole. Il clan si sarebbe occupato direttamente dell'acquisto della droga, prevalentemente in Albania, e della consegna finale ai vari pusher. Avrebbe inoltre avuto una consistente disponibilità di armi, anche da guerra, di provenienza balcanica. Nel corso delle attività sono stati sequestrati fucili mitragliatori di assalto sovietici, tra cui AK47 Kalashnikov e modello M.70 Zavasta, oltre a numerose pistole calibro 45, calibro 38 special e relativo munizionamento. Per l'acquisto di queste armi il gruppo criminale avrebbe avuto come referente una persona italiana, di origini montenegrine, collante tra il clan e i trafficanti di armi residenti nel campo nomadi Panareo a Lecce.
    Tra le attività illecite del clan anche estorsioni agli ambulanti in occasione delle partite di calcio del Lecce, eventi musicali e sagre; la gestione dei parcheggi abusivi durante spettacoli ed eventi sportivi; e l'estorsione ad alcuni commercianti in occasione delle festività del Patrono di Lecce.
    (ANSA).
   

Bari: I più letti