Inchiesta pm Aosta: appello, indagine da dichiarazioni non veritiere

Valle D'Aosta
6e7ac45921320f893df162d39bfcbe86

Sentenza assoluzione Longarini, 'scarsa credibilità operanti'

   La decisione di assolvere l'ex procuratore capo facente funzioni di Aosta, Pasquale Longarini, ora giudice civile a Imperia, non è "stata assunta con riferimento" alle argomentazioni della sua difesa, "ma neppure prendendo a base i rilievi degli operanti, la credibilità dei quali, come risulta da quanto motivatamente si è argomentato, è alquanto scarsa". Lo scrive la seconda sezione penale della Corte d'Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui il 5 novembre 2020 ha confermato l'assoluzione "perché il fatto non sussiste" di Longarini, che era accusato di induzione indebita a dare e promettere utilità, rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento, nell'ambito di un procedimento per il quale il 30 gennaio 2017 era finito ai domiciliari. Assolti con lui anche il grossista alimentare Gerardo Cuomo e l'albergatore Sergio Barathier.
    "Basterà ricordare qui", scrivono i giudici, "che il presente procedimento è stato originato da quanto è stato riferito, contrariamente al vero", da un investigatore a un inquirente, "e cioè che Longarini aveva chiamato personalmente Barathier invitandolo a scegliere come fornitore dell'Hotel Royal & Golf Cuomo, per poi precisare che Barathier era indagato da Longarini". 

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.